Prigionieri in casa, denuncia via web. “Il Comune non prende provvedimenti con il parcheggio abusivo all’interno del campo sportivo Pietro Abate ex Aura Sport e le persone per non pagare il parcheggio ci blindano in modo che non possiamo aprire le porte di casa”, questa la denuncia fatta sul gruppo di Facebook Sosta-Abusiva-ViaDelMonte-2015“Segnaliamo cosa non va nel Comune di Torre del Greco”. Ci troviamo, precisamente, in via Del Monte, a pochi passi dall’abitazione del sindaco della città di Torre del Greco, Ciro Borriello, e, secondo la denuncia del signor Alberto Incoronato, esisterebbe una richiesta abusiva di denaro per parcheggiare nell’area ex Aura Sport che porterebbe molti automobilisti a scegliere la soluzione gratuita di fermare le proprie auto lungo l’arteria principale, ma ostruendo, così, l’ingresso ad abitazioni private. Questa notizia porta subito alla mente quella della scorsa estate quando proprio l’amministrazione Borriello aveva deciso la tolleranza zero verso coloro che pretendono il pagamento del parcheggio in maniera abusiva. Già varie volte si era cercato di beccare in flagranza di reato i parcheggiatori abusivi che spopolano nelle aree a ridosso della Litoranea, ma questi erano sempre riusciti a sfuggire ai controlli. Non così una domenica di agosto, quando una donna agente della polizia municipale si è finta automobilista e con il telefonino in viva voce collegato alla sala operativa del comando, dove si trovava il sindaco Ciro Borriello, ha trasmesso in tempo reale la conversazione con il parcheggiatore abusivo che chiedeva il pagamento per il “servizio” svolto.
Così, è stata raccolta la prova dell’attività illecita svolta dall’uomo che subito è stato bloccato e sanzionato per conduzione abusiva di lavoro di parcheggiatore. “Nei giorni scorsi – affermava il sindaco Ciro Borriello – mi erano giunte diverse segnalazioni sulla presenza di parcheggiatori abusivi nella zona dell’area di sosta comunale di via Litoranea. Indicazioni anche precise che mi hanno convinto, di concerto con la polizia municipale, a rafforzare i controlli per cercare di individuare questa persona che, in alcune circostanze stando alle segnalazioni, avrebbe anche usato minacce nei confronti degli avventori”. Ora, i residenti di via Del Monte chiedono a gran voce la stessa tolleranza zero per liberare le porte delle proprie abitazioni.

 




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono