Ma questi sequestri preventivi tutelano tutti o solo i creditori sociali? Mentre si attende il verdetto della Corte di Appello di Napoli in merito al fallimento della Deiulemar Compagnia di Navigazione, i vertici della Deiulemar-NaveDeiulemar Shipping dopo l’ultimo sequestro preventivo, provvedimento emesso dalla Procura di Torre Annunziata di qualche giorno fa, hanno portano i libri in Tribunale e ne hanno chiesto il fallimento. Dopo varie udienze rinviate, il giorno 19 settembre si doveva discutere del concordato preventivo liquidatorio della Shipping, ma ecco che scoppia il caso: con perfetto tempismo la Procura di Torre Annunziata notifica, il giorno 18 settembre ore 18, all’Amministratore della società armatoriale l’ordinanza di sequestro preventivo di due n avi: la “Filomena Lembo” e la “Michele Iuliano”. La richiesta d i sequestro è stata firmata dal GIP Giovanni De Angelis su richiesta del PM Sergio Raimondi. Ovviamente l’azione del GIP complica le cose, infatti, il mattino seguente si doveva discutere del concordato presso il Tribunale Fallimentare. Il collegio giudicante, presieduto dal giudice Massimo Palescandolo, vista l a situazione rinvia qualsiasi decisione al giorno 10 ottobre.

La Shipping, viste le forti pressioni, non si salva, ed è stato chiesto dai vertici della società il fallimento. Le speranze per gli obbligazionisti di recuperare soldi diventano quasi nulle. Dopo l’ordinanza di sequestro preventivo di due navi, emessa circa due settimane fa dai giudici della Procura di Torre Annunziata, nei confronti della Deiulemar Shipping Spa, le conseguenze per la giovane società armatoriale sono state catastrofiche.
Di fatto, l’esperto fallimentare e legale della Shipping, l’Avv. Astolfo Di Amato, ha ritenuto inutile riformulare e presentare un nuovo concordato preventivo liquidatorio, perchè, a causa del sequestro della “Michele Iuliano” e d ella “Filomena Lembo ” , non ci sono più le condizioni e i vertici della Shipping hanno portato i libri in Tribunale chiedendo il fallimento. In pratica, l’intervento ad orologeria della Procura di Torre Annunziata ha sorpreso molti ed ha fatto si che gli obbligazionisti formulassero le congetture più variegate. Tra queste: come mai non sono state sequestrate prima?
Ma questi sequestri preventivi tutelano tutti o solo i creditori sociali (erario, banche, fornitori e creditori vari)? E’ necessario che le due Procure collaborino e che il Tribunale fallimentare prenda delle decisioni e agisca subito a tutela dei creditori, nominando un amministratore giudiziario che gestisca le navi sequestrate (per approfondimento leggas i articolo “Deiulemar, guerra tra procure?” del 26 settembre). Nel frattempo è stato costituito, d al Tribunale, il Comitato dei Creditori della fallita Deiulemar Compagnia di Navigazione Spa. A fine settembre, è stato eletto il Presidente del comitato l’Avv. Giuseppe Colapietro, durante la prima riunione tenutasi a Napoli alla presenza dei tre curatori, Giorgio Costantino, Vincenzo Masciello e Antonella De Luca. Gli altri membri del comitato creditori scelti dal giudice Palascandolo del Tribunale Fallimentare: gli avvocati Antonio Cardella e Antonio Amato e gli obbligazionisti Lucia Formicola e Tobia Di Meglio. Sulle nomine le polemiche sui Blog non sono mancate, anche perché molti obbligazionisti h anno dichiarato di non sentirsi rappresentati. In merito alla richiesta di fallimento della Shipping si deve pronunciare il Tribunale Fallimentare tra circa una settimana con tutta probabilità la richiesta verrà accolta.
Antonio Civitillo

Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 10 ottobre 2012