Napoli – In Campania al ristorante con la carta d’identità per farsi rilevare le generalità. L’obbligo è stabilito dalla nuova ordinanza firmata dal Governatore Vincenzo De Luca nel pomeriggio, ora in pubblicazione.

L’ordinanza n.64 conferma fino al 9 agosto le disposizioni dell’ordinanza precedente in materia di uso delle mascherine di protezione. Sono quindi confermate le sanzioni per l’eventuale inosservanza con pena pecuniaria di 1.000 euro.

Per i ristoratori e i gestori di discoteche e locali consimili il provvedimento regionale impone di «individuare almeno un soggetto per tavolo o per gruppo attraverso idoneo documento di identità». La misura è necessaria per ricostruire le filiere di contatti collegabili ad una persona nel momento in cui se ne accerta la positività.

Raccogliendo le generalità dei presenti in un locale in un dato momento, si garantisce maggiore tempestività della ricostruzione di eventuali ‘contatti stretti’ di eventuali nuovi soggetti positivi. Per queste ragioni si andrà in Campania al ristorante con la carta d’identità. L’ordinanza conferma, altresì, «fino alla stessa data, tutte le misure dei Protocolli di sicurezza approvati con precedenti ordinanze per le singole attività economiche e sociali».