Torre del Greco – Riceviamo e pubblichiamo

Lettera aperta al sindaco Palomba da parte del segretario cittadino della Lega, Maria Gabriella Palomba.

Signor Sindaco, ho letto la sua dichiarazione in merito alla visita  del senatore Salvini a Torre del Greco e devo dirle che, a differenza di tanti altri, non mi ha affatto meravigliata.

Due anni di cecità politica da parte dell’amministrazione cittadina sono infatti perfettamente coerenti con la sua idea di democrazia, quella di chi, come lei, ha definito l’autentica vergogna di ieri niente più che una “manifestazione di dissenso ideologico” “legittima” e “composta”.

Lei, evidentemente, non ha ben presenti alcuni concetti imprescindibili, come il “rispetto verso il prossimo”, la salvaguardia del “confronto democratico”, o, ancora, la tutela della “dialettica liberale” e della “incolumità individuale”, per cui il suo giudizio su quanto è accaduto ieri è semplicemente il frutto di una distorta percezione dei principi cardine su cui si fonda la convivenza civile e la libertà di pensiero.

E mi sorprendo come lei e le più alte espressioni del consesso cittadino non abbiano stigmatizzato l’inqualificabile comportamento di un manipolo di violenti facinorosi che nulla a che vedere con il popolo torrese e che hanno avuto solo la capacità di deturpare a livello nazionale l’immagine della nostra e tranquilla e laboriosa città.

Le auguro pertanto di affinare e mettere a punto le sue eccentriche idee in tema di libertà e di democrazia in un Paese civile.

Viva la Libertà Viva il Libero pensiero Viva la Democrazia