Tre infermieri nuovi dopo l’autoconsegna, ma la Tac continua a rompersi

(a) per gli abbonati o in edicola – Torre del Greco – Sempre critica la situazione dell’ospedale Maresca che, dopo le tante promesse e le buone intenzioni espresse dai politici locali durante i mesi scorsi, si ritrova con più problemi di prima.
Dopo la protesta degli infermieri, che si sono per più giorni autoconsegnati, si è deciso di risolvere (almeno temporaneamente) il problema con l’innesto di tre nuovi infermieri.
Negli ultimi giorni è sorto un altro problema, ovvero la rottura della tac, che ha creato non poco scompiglio nei corridoi del nosocomio torrese, offrendo un ulteriore disservizio ai malcapitati pazienti; il problema sembra essere stato risolto dopo diverse denuncie.
Ecco lo sfogo di un dipendente dell’ospedale torrese: “Ci ritroviamo a fronteggiare sempre i soliti problemi. Pochi infermieri, pochi tecnici e le solite soluzioni-tampone che risolvono solo momentaneamente il problema”. “Al nord al primo problema si va tutti in piazza, politici in primis; qui, invece, non ci si rende conto dell’importanza di questo presidio ospedaliero, soprattutto in periodi di emergenze come questo. Nel caso di pandemie, ci ritroveremmo a fronteggiare un grave problema con pochissimi mezzi a disposizione – continua il dipendente del nosocomio – la tac è stata fuori uso per 5 giorni e, solo con l’attacco della stampa e varie denuncie, si è risolto il problema. Questo è un chiaro segno di rassegnazione alla volontà della legge regionale che vuole ridurre ai minimi termini il nosocomio torrese”.

Andrea Scala

Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea de La Torre 1905 in edicola il 21 ottobre 2009