Capitaneria di porto

L’attività ispettiva degli uomini della Capitaneria di Porto di Torre del Greco diretti dal Comandante Giuseppe Troina non demorde, al fine di salvaguardare la salute dei cittadini. Questa volta le ispezioni sono state condotte unitamente alla Polizia Municipale ed alla Unità Operativa Prevenzione Collettiva della ASL Napoli 5 (distretto 85), ed hanno avuto luogo nella storica “piazzetta” di Torre del Greco.
Gli accertamenti a sorpresa si sono conclusi nella tarda mattinata di oggi, ed hanno portato alla denuncia di 4 ambulanti che vendevano i loro prodotti in uno stato di conservazione non consono ed al conseguente sequestro di circa 205 chili di frutti di mare esposti in bacinelle piene di acqua non depurata, non refrigerati, sottoposti al caldo ed ai raggi diretti del sole, in evidente violazione delle normativa igienica prevista dalla legge per questi prodotti.
Da sottolineare come la cittadinanza abbia positivamente accolto l’iniziativa, senza ostacolare le forza di polizia, ma anzi incoraggiandole ed incitandole ad una sempre maggiore tutela dei propri diritti di consumatore.
L’operazione segue, tra l’altro, il grosso sequestro effettuato ieri nel porto di Torre del Greco, dove ignoti lasciavano a rinfrescare grosse quantità di mitili nelle acque portuali (mitili che sarebbero certamente finiti sulle tavole dei ristoranti o nei mercatini). E’ infatti noto come le sostanze comunemente presenti nelle acque dei porti, come residui di vernici, idrocarburi, e metalli pesanti, possono arrecare seri danni (a breve, medio e lungo termine) alla salute umana.
Le ispezioni non hanno inoltre tralasciato il controllo riguardante la normativa di matrice comunitaria sull’etichettatura dei prodotti ittici (obbligatoria per poter informare il consumatore sull’origine, la provenienza e la freschezza degli stessi), la vendita di specie di cui è vietata la commercializzazione (ad esempio i datteri di mare), la vendita di esemplari “sottomisura” (pescati in età giovanile arrecando grave danno alla riproduzione-rigenerazione della risorsa ittica del nostro mare), e la frode commerciale (ad esempio il vendere per fresco del pesce appena scongelato).
Vista l’ampia diffusione dei fenomeni di infrazione delle normative igienico – sanitarie, l’abitudine ad un incauto acquisto di prodotti “a rischio” da parte di molti cittadini, e l’effettiva drastica incidenza di casi di epatite ed altre malattie virali direttamente correlabili al consumo di mitili nei comuni di Torre del Greco, Ercolano e Portici, l’attività di controllo e repressione condotta dalla Guardia Costiera a tutela della salute pubblica avrà certamente ulteriore seguito.

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI
CAPITANERIA DI PORTO – GUARDIA COSTIERA
TORRE DEL GRECO
Tel. 0818812200 Fax 0818815480
e-mail: torredelgreco@guardiacostiera.it

Comunicato stampa