Paolo Caiazzo e Maria Bolignano vittime di un reality

Fino al 9 maggio al teatro Acacia si ride con Paolo Caiazzo protagonista, autore e regista di una nuova e divertente commedia, “Tesoro non è come credi”. Con lui sulla scena Maria Mazza e Maria Bolignano, insieme ad un nutrito gruppo di giovani attori: Francesco Mastandrea, Rosaria Russo, Ada De Rosa ed Enzo Varone. Caiazzo veste i panni di Michele, un fotografo di moda dal passato glorioso, alle prese con una crisi economica molto seria che lo costringe a vivere a casa della suocera. Una situazione che inevitabilmente influenza il rapporto di coppia con la moglie, interpretata dalla Bolignano. Mentre sta tentando di evitare il fallimento del suo matrimonio e di riconquistare la propria consorte, irrompono nella sua vita Fabrizio (un ex collega che sta riscuotendo molto successo) e la prorompente Maria Mazza – reduce dal successo della passata stagione – che interpreta se stessa. La complicità tra lo “spungillo di Torre del Greco” – così la suocera appella il povero fotografo – e la modella provoca sospetti, ripicche ed una serie di esilaranti qui pro quo con la moglie. Ma non c’è tempo per la gelosia, perché la coppia di coniugi, a causa della modella, dovrà affrontare un problema molto più serio: nella macchina fotografica che Michele ha utilizzato ci sono foto bollenti di Maria Mazza beccata in flagrante con un personaggio famoso in un noto locale romano, il Gilda. Alla fine, dopo un rocambolesco susseguirsi di scene tragico/comiche in cui Michele e la moglie sono terrorizzati perché minacciati con la pistola da un finto reporter che voleva le tanto agognate foto, i due coniugi scoprono di essere i protagonisti di un reality.
I riflettori sono puntati su tutto quello che succede nel quotidiano, il pubblico si può rivedere nella vita di coppia, tra incomprensioni e momenti di complicità e di astio giornalieri. La coppia in crisi protagonista di questa storia è una perfetta allegoria della coppia moderna sull’orlo del fallimento che, dopo dieci anni di matrimonio, è depauperata dalla passione, ma che, nonostante tutte le difficoltà, resiste.
Una commedia brillante, divertente, piena di colpi di scena. Una storia che si regge sui tempi comici in salsa partenopea di una compagnia affiatata che lavora da tempo insieme. Il regista, attraverso questa sua divertente piéce, riflette sul rapporto fra la gente comune e il mondo dello spettacolo, considerato come una meta da raggiungere a tutti i costi. Ottima l’interpretazione di Maria Bolignano, perfettamente a suo agio nella parte della moglie acida, ironica e tagliente, ma che, in fondo al suo cuore, ama profondamente il proprio compagno. Superba anche Maria Mazza, la cui bellezza offre quel pizzico di intrigante sensualità che tiene alta la tensione dello spettacolo.

M.C.Izzo




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono