Continua incessante l’azione di repressione e contrasto alla produzione illegale di marijuana da parte dei militari dei Carabinieri Forestali della stazione di Castellammare di Stabia. Questa mattina i militari hanno assestato un altro duro colpo alle coltivazioni illegali di droga.

Tra Casola e Gragnano, in provincia di Napoli, sono entrati in azione sequestrando più di tremila piante di marijuana piantate su terreno demaniale. In effetti, la pratica normale dei narcos è proprio questa: Piantare su suolo demaniale in modo da rendere difficile l’individuazione dei responsabili. Sul mercato le piante avrebbero prodotto diverse decine di migliaia di euro, e quindi si assesta l’ennesimo colpo alla criminalità organizzata locale che gestisce le coltivazioni di canapa.

In questo periodo, infatti, i sequestri di piantagioni sono quasi quotidiani, ed i colpi alla criminalità organizzata sono sempre più soventi. In effetti è difficile stabilire se la piantagione sequestrata sui Lattari questa mattina apparterrebbe a bande della criminalità organizzata locale, ma risulta difficile credere che un singolo o una persona estranea al giro delle coltivazioni illegali possa aver messo in piedi una coltura del genere.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono