Territorio

(a) Torre del Greco – Prato mal curato, erbacce, mozziconi di sigarette: questo lo scenario al parco Bottazzi, riserva storica torrese e punto di riferimento per giovani, anziani, bambini e chiunque avesse voluto trascorrere il tempo libero a contatto con la natura. Ma cosa resta oggi di un’area una volta sorridente? Ad accogliere i visitatori vi sono scheletri in ferro di panchine trasandate o rotte, muretti rivestiti di scritte e staccionate malandate che di tanto in tanto ornano i giardinetti, costituendo, per che altro, un pericolo per chi vi passeggia o si allena correndo lungo il percorso. Ridotti anche gli svaghi e i giochi per i bimbi. Quel che resta è, dunque, uno scenario poco invitante e privo di intrattenimenti: un altro possibile servizio negato al cittadino torrese. Le cause? Ancora una volta, il disinteresse e la non curanza. La conseguenza è che anche uno di quei pochi spazi verdi di cui dispone la nostra città è divenuto inagibile. A testimoniarlo è, infatti, l’esiguo numero di persone presenti nel parco che un tempo godeva di un’assidua frequenza.
Maria Panariello
 
Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 29 settembre 2010




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono