Bollette pazze Gori. Novità per il reclamo da fare per le bollette di conguaglio della Gori ricevute in questi giorni da migliaia di cittadini.
Sono molte le associazioni ed i comuni che sono dalla parte dei cittadini e che si stanno prodigando affinchè NO-Gori-2014venga annullata l’ingiusta richiesta della società che gestisce le acque pubbliche.
Noi de La Torre abbiamo deciso di riportare quanto sostiene il M5S:
“Ho elaborato con il mio staff legale un nuovo modello di reclamo più efficace che mette in risalto 2 aspetti fondamentali della vicenda a seguito dei quali è possibile richiedere l’annullamento della fattura con il conseguente ricalcolo dei conguagli”, a dirlo il parlamentare 5 Stelle, Luigi Gallo. C’è un’indagine dell’AEEG in corso – chiarisce Gallo – a seguito di verifiche ispettivi della Guardia di Finanza, a seguito della quale è emerso che Gori potrebbe aver commesso alcune violazioni, consistenti nel difetto di veridicità dei dati e di raccordo tra i valori desumibili dalla documentazione contabile ed i valori riportati nella modulistica trasmessa”.
In più: “ Ai sensi dell’art. 31 della delibera 643/2013/R/idr dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico è fatto obbligo ai gestori interessati di: indicare espressamente in bolletta, oltre al periodo di riferimento dei conguagli tariffari precedenti l’anno 2012, il riferimento preciso all’atto deliberativo del soggetto competente che li ha quantificati – sia nel loro importo complessivo sia nell’importo espresso per unità di consumo da applicare all’utenza – e ne ha esplicitato le tempistiche di riscossione, nonché il riferimento al consumo a cui l’importo unitario viene applicato. Sull’indeterminatezza del consumo e quindi del credito richiesto c’è giurisprudenza che annulla crediti acqua in circostanze simili”. “Il consigliere comunale d’opposizione del M5S, Ludovico D’Elia, ha chiesto – spiega Gallo – che il sindaco di Torre del Greco diffonda, tramite i siti istituzionali e che il nuovo statuto comunale venga scritto in difesa dell’acqua pubblica che – conclude il deputato Gallo – deve restare fuori dai profitti dei privati. Procederò, inoltre, ad una segnalazione diretta all’AEEG della possibile violazione di una loro delibera da parte della Gori”.

Scarica il modello di reclamo in soccorso dei cittadini: clicca qui