La primavera porta sulle nostre tavole tutti i profumi e i sapori di nuova frutta e verdura. Vediamo insieme tutti i benefici e le controindicazioni degli asparagi, protagonisti di questa stagione. Conosciuti e apprezzati soprattutto per le proprietà diuretiche e depurative grazie alla presenza della asparagina, che ci aiuta ad espellere il sodo in eccesso.

Inoltre grazie al buon contenuto di potassio sono anche un ottimo alleato contro l’ipertensione. Aiutano il microcircolo e combattono ritenzione idrica e cellulite, cruccio di noi donne. Regolano i livelli di glucosio nel sangue e sono per questo indicati anche per chi soffre di diabete di tipo 2.

Ricchi di fibre, contribuiscono a regolarizzare il transito intestinale e a favorire la digestione. Azione antiinfiammatoria e antiossidante, si rivelano preziosi per combattere i radicali liberi nemici dell’invecchiamento. Buon contenuto di magnesio che contribuisce al metabolismo energetico e alla riduzione del senso di stanchezza tipico dei mesi più caldi. Gli asparagi sono consigliati anche in gravidanza per la presenza di acido folico ma sconsigliati in allattamento per il particolare odore pungente che potrebbe essere poco gradito al neonato.

Chi deve fare attenzione a mangiare asparagi? Gli asparagi sono controindicati in presenza di calcoli renali o di cistite in quanto andando a stimolare la diuresi potrebbero accentuare questo problema.
Come prepararli in cucina. Si adattano bene ad un regime ipocalorico e si prestano a preparazione di primi piatti, zuppe, vellutate e contorni. Vi consiglio una ricetta semplice ma gustosissima: pennette integrali con asparagi e salmone.
Dottoressa Elisabetta Casciello Biologa Nutrizionista
Cell: 3713549027
E-mail: e.casciello@libero.it
Facebook: Biologa Nutrizionista Dott.ssa Elisabetta Casciello
Instagram: dott.ssa_casciello