Nel dicembre 2013 calca per la prima volta le scene del teatro Buon Consiglio “ ‘A cumpagnia e Zazzà “, fondata da Salvatore Pinto attore e regista), Mario Frulio (veterano del teatro torrese) e Mirella Carnile (attrice diplomata presso l’accademia “De poche” di Napoli).
Tetillo-regia-Salvatore-Pinto-2015Il nome scelto dalla compagnia è un omaggio all’amato nonno del regista, Salvatore Zazzaro, e per ironia della sorte – “Dove sta Zazà” è anche il titolo di una celebre canzone napoletana, la cui rappresentazione più famosa è ad opera dell’illustre Nino Taranto. Il nucleo originario si è presto ingigantito grazie alla partecipazione di nuovi attori destinati a divenire delle vere e proprie promesse per il teatro torrese: l’eccentrica Nunzia Caso Falanga e la bella Daniela Esposito, compagna del regista. Ma l’allegria del neonato gruppo ha contagiato anche Tina Roma (attrice e costumista), Gennaro Ascione (attore e direttore di scena), Rosanna Aprile (attrice), che vantano un’annosa esperienza teatrale. Attratti dal poliedrico gruppo di teatranti, si aggregano stabilmente Francesca Borriello, Elena Avone, Claudia Aprea, Ivana Palomba, Marcello Marciano, Raimondo Ripa ed i piccoli Cristian Provenzano e Miky Sepe.
Nasce invece una splendida collaborazione con Pino Brancaccio, direttore artistico dell’associazione “Lo Sberleffo”, nonché attore professionista.
L’eterogenea compagnia, diventa un’icona culturale per Torre del Greco, ha saputo far breccia nel cuore del pubblico portando in scena tre brillanti rappresentazioni : “Natale in casa Cupiello” di E. de Filippo (trampolino di lancio), “ ‘ O scarfalietto “ e “ ‘E tre pecore viziose” di E.Scarpetta.
Per la prima volta, il regista Salvatore Pinto si è cimentato nell’adattamento di una commedia di E. Scarpetta, il cui titolo originario era “Tetillo”. Protagonista della vicenda Felice Sciosciammocca , nelle vesti di un perdigiorno e donnaiuolo studente di legge, biasimato dal padre Attanasio ma amato eccessivamente dalla madre Dorotea. A far da padrone è l’espediente ricorrente della commedia, che affonda le sue radici nel teatro greco di Aristofane e Menandro: l’equivoco. Un intreccio di personaggi esilaranti saprà conquistare il pubblico, ma tra tutti spicca “Assuntina a turrese”, che risulta essere un omaggio a Torre del Greco, alla sua lingua e alla sfaccettata cultura.
PERSONAGGI ED INTERPRETI

In ordine di apparizione
Attanasio Sciosciammocca       Mario Frulio
Dorotea Sciosciammocca          Nunzia Caso Falanga
Menechella                               Daniela Esposito
Carluccio                                  Miky Sepe
Enricuccio                                Cristian Provenzano
Pasquale Afflitto                       Pino Brancaccio
Felice Sciosciammocca            Salvatore Pinto
Assuntina ‘a turrese                  Tina Romano
Gerella                                     Elena Avone
Nannina                                    Ivana Palomba
Nunziatina                                Claudia Aprea
Arturo                                      Marcello Marciano
Lorenzo Cutechella                   Gennaro Ascione
Amalia Cutechella                     Mirella Carnile
Luigi La donna                          Raimondo Ripa
Marietta                                   Rosanna Aprile
Michelina                                 Francesca Borriello
Date 16-17 maggio
Teatro della Chiesa Madonna del Buon Consiglio