Sono due i torresi che, appartenenti al Movimento 5 Stelle, compaiono nella lista dei candidati per le elezioni regionali in vista. Si tratta di Marco Manna e Clementina Sasso. Entrambi hanno rilasciato a noi de La Torre un’intervista congiunta nella quale hanno spiegato i motivi che li hanno spinti a “mettere la faccia” candidandosi alla tornata elettorale che vedrà tanti “concorrenti” gareggiare per un seggio in Regione.
Marco-Manna-Clementina-Sasso-M5S“La scelta di candidarci alle elezioni regionali – hanno dichiarato ai microfoni de La Torre Sasso e Manna – è stata avvallata dalla fiducia che abbiamo ricevuto dalla rete. A differenza di altri, noi facciamo parte di uno schieramento in cui ogni candidato è scelto per l’attivismo e le competenze dimostrate in operazioni reali. In altre liste ci si candida in base al pacchetto di voti che si può garantire mentre da noi è diverso, siamo semplici cittadini che lavorano fattivamente per il proprio territorio, in modo disinteressato e solo per il bene comune. Attualmente siamo gli unici che possono vantare un movimento solido alle spalle; lo dimostra il fatto che già da Gennaio eravamo pronti con la lista e il programma. Inoltre, nelle nostre fila, non abbiamo inquisiti, condannati e pregiudicati e per poterci candidare abbiamo dovuto prima presentare il certificato dei carichi pendenti e il casellario giudiziario. Più che di campagna elettorale – spiegano – si potrebbe parlare di attivismo di routine visto che noi siamo sul territorio 365 giorni l’anno, a differenza di altri che spuntano solo con la bella stagione delle elezioni. Il nostro Programma – precisano – è stato scritto in due fasi, la prima in rete con i cittadini mentre nella seconda, I cittadini sono stati affiancati da tecnici che hanno partecipato a dei tavoli tecnici e contribuito con le loro competenze. Nonostante questo enorme lavoro, sul nostro blog Campania sarà aperto un wiki dove in qualsiasi momento i cittadini collegati in rete, potranno aggiungere tematiche e fare proposte. Noi saremo portavoce dei cittadini che ormai da tanti anni si battono insieme a noi sul territorio, per questo non cerchiamo deleghe in bianco e a chi ci vuole votare diciamo che prima del consenso noi cerchiamo partecipazione. Abbiamo già firmato un documento dove dichiariamo di tagliarci lo stipendio nell’eventualità dovessimo essere eletti, cosa che facciamo sempre e dovunque quando c’è un rappresentante 5 stelle. Siamo sicuri che il nostro sarà un ottimo risultato. Non facciamo previsioni su noi stessi come candidati ma sul progetto del Movimento e proprio da questo punto di vista, girando la Campania, i cittadini ci stanno facendo sentire il proprio calore. La nostra candidata presidente Valeria Ciarambino è una persona molto preparata, sta facendo un lavoro straordinario e noi conosciamo le sue competenze già da tempo. In quest’ultimo periodo sentiamo crescere l’entusiasmo dei cittadini anche intorno alla sua figura. Cominciamo a far paura, lo dimostra il fatto che all’inizio siamo stati ignorati mentre adesso ci attaccano ma è inutile, tanto oramai a queste persone rimane solo la loro sete di potere. Caldoro sappiamo bene tutti come ha amministrato la nostra regione in questi ultimi cinque anni e lui, come De Luca, per vincere sono pronti ad imbarcare di tutto a supporto, la lista d’inquisiti e pregiudicati che li sostengono è molto lunga. In queste ultime settimane di campagna elettorale vigileremo e chiederemo il rispetto delle regole. In giro per la città – concludono i due candidati – sono comparsi già i primi manifesti abusivi e restiamo sconcertati dal fatto che ad aprire le danze sia proprio un assessore in carica, una figura che più di tutte dovrebbe essere garante delle regole e rispettarle”.

Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 13 maggio 2015