Al MAV di Ercolano fino a maggio

Partito il 9 febbraio, andrà in scena fino a maggio al MAV di Ercolano l’opera teatrale "Le 12 fatiche di Ercole". La splendida location di via IV Novembre 44 ha infatti in calendario una ricca serie di rappresentazioni.

Abbinando alla visione dello spettacolo, la visita agli scavi archeologici di Ercolano, lo spettatore – visitatore sarà in grado di avere una visione totale del periodo in questione. La location d’eccezione consentirà poi di approfondire meglio, attraverso una nuova modalità di fruizione culturale, i volti e i nomi degli antichi ercolanesi con il loro stile di vita e la storia della loro comunità e una volta acquisiti tutti gli elementi storici per addentrarsi nella realtà del tempo potrà assistere alla rappresentaione teatrale delle vicende legate al nome di Ercole. Figlio di Zeus e della mortale Alcmena, non ha mai sopportato suo fratello maggiore, Euristeo, figlio della stessa madre, ma di padre non divino: un semplice umano insomma, addirittura gracilino di costituzione ma a quanto pare molto, ma molto più intelligente di lui! Vista la predilezione di Giove per Euristeo, in Ercole crebbe sempre di più un odio profondo per il fratello maggiore… tanto da imprecargli contro.

Il padre degli dei, non tollerando tale atteggiamento, gli fece provare la vera inferiorità ridimensionando la sua statura ad un goffo metro e dieci e per tenerlo impegnato e smorzare le voglie autolesioniste, gli ordinò di compiere dodici imprese formidabili che prevedevano un grado d’intelligenza superiore alla media! Unico ad aiutarlo: Acate, già scopritore del moto dei pianeti. Biascicando le ultime parole rabbiose tra i denti, Ercole fuggì rassegnato a compiere le dodici fatiche, facendo uso del suo “acuto” intelletto!

Mirella Carnile

 
Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 22 febbraio 2012