Da anni la città non ha in carica un sindaco per una consiliatura completa

Il commissariamento è ormai tradizione consolidata per Torre del Greco. Negli ultimi anni, infatti, la città non È riuscita ad avere in carica un sindaco per almeno una consiliatura completa. Basta ripercorrere le precedenti esperienze politiche che troviamo già un’alternanza di commissari: classificabili in diverse categorie, persino una commissione straordinaria indetta a seguito di pesanti accuse infondate di collusione con la camorra. Negli ultimi due anni, i "singhiozzi" nelle amministrazioni politiche si sono avuti con Valerio Ciavolino alla guida della città. Era l’ottobre del 2005 quando consiglieri, assessori e sindaco furono estirpati dalla casa comunale per una pesante accusa: presunta collusione camorristica. Successivamente – mentre l’ex sindaco Ciavolino preparava un ricorso al Tar che avrebbe sancito l’infondatezza delle accuse – giunse alla guida della città del corallo la triade composta dal prefetto Carlo Alfiero, dal dirigente Luigi Colucci e dal vice prefetto Narcisa Brassesco. Seguì quindi un periodo di standby politico interrotto dall’esito positivo del Tar nell’aprile del 2006, che cancellò le accuse e riportò al municipio sindaco e consiglieri. Una tregua – scandita da continue sostituzione in giunta – che è però durata ben poco: nel mese di giugno, infatti, l’assise sfiduciò Ciavolino che questa volta lasciò definitivamente la carica di sindaco. Come da copione, subentrò un nuovo commissario straordinario: Ennio Blasco che dopo alcuni mesi cedette il posto ad un altro commissario, che è poi stato definitivo fino alle elezioni di maggio 2007. Si trattava di Giuseppe Giordano. Stando sempre alla ricostruzione delle instabili amministrazioni politiche, a giugno 2007 sale al governo della città Ciro Borriello, eletto nel partito Italia dei Valori. Una nuova nuvola nera si è abbattuta però sul consiglio comunale: le dimissioni, poi ritirate in extremis, del sindaco Borriello avrebbero potuto sciogliere l’assise, che sarebbe probabilmente stata comunque demolita dal Tar il 27 marzo se Salvatore Antifono ritirava il ricorso.
Pr




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono