Torre del Greco – Ancora truffa dello specchietto, nella zona alta della città del corallo, Cappella Bianchini, da mesi imperversa una coppia di lestofanti che raggirano ignari automobilisti con la più classica delle truffe, quella dello specchietto. Tra i diversi modi che i malviventi utilizzano per truffare le brave persone ci sono una serie di escamotage fatti per simulare degli incidenti che, in realtà, non sono mai avvenuti. Una di queste truffe è la cosiddetta truffa dello specchietto. La truffa dello specchietto è purtroppo utilizzata da anni, e consiste nel far credere al malcapitato di aver rotto lo specchietto durante il sorpasso. Il malvivente costringe, procedendo a velocità estremamente bassa, il malcapitato al sorpasso, ed è qui che tutto entra in scena. Quando le due auto sono affiancate il truffatore produce un rumore sordo per simulare la rottura dello specchietto al passaggio dell’auto, dopo il quale comincia ad intimare all’auto che l’ha precedentemente superato di fermarsi (colpi di clacson, lampeggio degli abbaglianti…).

Quando il povero malcapitato si è fermato il truffatore comincia a convincerlo dell’effettiva rottura dello specchietto durante la manovra di sorpasso: in realtà tutto viene simulato, poiché lo specchietto sarebbe stato appositamente rotto in precedenza ed il suono prodotto con un bastone o qualche altro oggetto.

Da qui comincia la richiesta di risarcimento dal finto danneggiato, che pretende il rimborso in contanti del valore dello specchietto, cercando di bypassare eventuali richieste di compilazione di constatazione amichevole con scuse quali la fretta di raggiungere una destinazione. L’ultimo caso di truffa del genere è avvenuto a viale dei Pini (Cappella Bianchini) dove, secondo denunce fatte sul gruppo Facebook della zona, due ragazzi sulla trentina e con una macchina di colore grigio hanno raggirato una ragazza. Dal gruppo viene messo in evidenza che sono mesi, da agosto, che questa coppia imperversa per viale dei Pini truffando malcapitati automobilisti. Sempre dal gruppo si avverte di stare molto attenti e di memorizzare la targa dell’auto dei due truffatori per girarla alle forze dell’ordine. In questi casi, comunque, il consiglio è quello di non dare mai del denaro contante a persone in casi simili, ma si spingere sempre per la compilazione del CID o, addirittura meglio, informare le Forze dell’Ordine e farle pervenire sul posto.

 




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono