Ricorrenza il 16 novembre

(a) Torre del Greco – Lo scorso 16 novembre si è celebrata la Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada. Non solo in Italia, quindi, ma in tutto il mondo. Tranne a Torre del Greco. Già, ovunque tranne che sul territorio torrese, almeno stando alle parole del Primo Cittadino in carica, Ciro Borriello. "Quest’anno abbiamo deciso di intervenire in maniera diretta -dice il Sindaco-. Abbiamo infatti avviato in città una serie di interventi volti a garantire il ripristino della sicurezza stradale. A breve ci saranno iniziative anche con il comando dei vigili urbani ed, inoltre, si provvederà alla installazione della segnaletica luminosa". Ma le novità per il territorio dovrebbero arrivare a breve: “Presto – conferma Borriello- sarà attivo un attrezzato ufficio mobile della Polizia municipale in città per fronteggiare le molteplici e diverse emergenze. Nel prossimo bilancio sono anche previsti fondi per l’installazione di autovelox, ma l’aspetto più importante – spiega – dei diversi provvedimenti sarà l’installazione della video sorveglianza”. Negli altri anni, invece, in ricordo di tali eventi tragici e fatali che non dovrebbero mai accadere, sono state organizzate sul territorio iniziative, anche religiose, sul territorio corallino. "Per il 2008 – ha dichiarato infine Borriello – abbiamo inteso lavorare con i fatti per il bene e la sicurezza della città". Sono molti, però, i cittadini che ci hanno segnalato la carenza di informazioni e commemorazioni da parte delle autorità e delle associazioni. Dalle pagine della cronaca nazionale tutti avevano appreso che l’ONU, nella ricorrenza del16 novembre, aveva invitato i Paesi e le città a dare massima e piena rilevanza sociale alla gravità della strage stradale perché essa non sia mai sottovalutata. Ma l’invito a Torre del Greco è stato accolto in maniera anomala ed insolita. Si confida e si spera fortemente, comunque, che le attività che saranno intraprese in futuro sul territorio cittadino, in particolare dall’Amministrazione, saranno almeno tanto efficienti da giustificare tale mancanza e che si riveleranno particolarmente efficaci a ridurre l’alto tasso di mortalità e di incidenti che, con frequenza quasi quotidiana, riempiono le pagine delle cronache cittadine.
Mariella Ottieri
Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea La Torre in edicola il 26 novembre 2008




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono