Un gioco su Bud Spencer e Terence Hill? Un’idea a dir poco geniale, soprattutto in un periodo di revival “ottantiano” come questo che sta contagiando soprattutto TV e videogiochi.

A mettere in piedi il progetto sono stati il team di sviluppo italiano Trinity Team e il publisher tedesco Buddy Productions GmbH, che dopo una campagna di finanziamento da parte del pubblico tramite crowdfunding di grande successo (non c’era da dubitarne) hanno finalmente pubblicato oggi su Steam Bud Spencer & Terence Hill – Slaps And Beans in Accesso Anticipato.

Non un gioco fatto e finito quindi, ma una prima versione (a cui seguiranno futuri aggiornamenti) che dà già comunque un’idea molto precisa (e pressoché definitiva a livello di contenuti) di questo picchiaduro a scorrimento orizzontale che è soprattutto un atto d’amore e di passione verso i film della coppia Spencer-Hill. La grafica in pixel-art sembra uscita da un’avventura grafica Lucas dei primi anni ’90 (il carattere dei testi è pressoché identico), molte delle canzoni presenti nel gioco sono le stesse dei film e naturalmente le ambientazioni e i livelli sono presi dai più grandi successi della coppia.
Bud Spencer & Terence Hill – Slaps And Beans, che si può giocare anche in duegrazie al multiplayer in locale, è un picchiaduro estremamente classico e senza particolari trovate originali se non alcuni mini-giochi come una gara di dune buggy, un tiro a segno o una battaglia a colpi di frutta e verdura all’interno di un supermercato. Quasi tutto il gioco però si svolge in classiche sessioni di picchiaduro in cui si avanza da sinistra a destra e si combatte contro continue ondate di nemici.

Il sistema di controllo è estremamente semplice, vista l’assenza del salto e di vere e proprie combo: sono disponibili solo due tipologie di attacco (normale e più potente) e il pulsante per parare i colpi avversari. È anche possibile raccogliere oggetti da usare come kit di pronto soccorso per ricaricare la barra della salute o come “armi” improprie (un boccale di birra, una sedia), ma la giocabilità si basa principalmente su continue risse dove non si fa altro che premere i due pulsanti di attacco e poco altro.
Un approccio che inizialmente funziona vista la sua estrema semplicità di base, ma che alla lunga tende un po’ ad annoiare visti proprio l’andamento ripetitivo dei livelli e le ondate di nemici che sembrano non finire mai. Gli stessi mini-giochi necessiterebbero di controlli migliori (la corsa con le dune buggy soprattutto), ma visto che il gioco è ancora in Accesso Anticipato c’è effettivamente spazio per miglioramenti su questo versante.

Giocando in due si avverte di meno la ripetitività e il divertimento aumenta sicuramente, ma anche in questo caso il gioco mette in mostra un andamento un po’ tutto simile a se stesso, e quando si ha a che fare con 10-15 nemici contemporaneamente le risse diventano inevitabilmente confuse, tanto che ricorrere alla parata diventa molto spesso superfluo o comunque poco conveniente. Sarebbe stato preferibile inoltre differenziare maggiormente gli stili di combattimento dei due protagonisti, visto che alla fine le differenze sono davvero minime.
Se però da un gioco del genere cercate soprattutto la fedeltà alle atmosfere dei film (si inizia con un’ambientazione western in stile Trinità), la varietà di ambientazioni, un tuffo nostalgico in un cinema che non c’è più e anche qualche simpatico siparietto dialogato tra i due protagonisti, Bud Spencer & Terence Hill – Slaps And Beans vi piacerà sicuramente, complici anche la bellissima colonna sonora e l’ottima grafica in stile retrò. Basta solo non aspettarsi un picchiaduro con chissà quali trovate e dal gameplay particolarmente ispirato.

Torneremo comunque a parlarne con una vera e propria recensione non appena terminerà il periodo di Accesso Anticipato, sperando che nel frattempo gli sviluppatori sistemino un po’ il sistema di controllo e aggiungano un po’ di varietà in più al tutto.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono