IN CUCINA di Angie Cafiero

(a) per gli abbonati o in edicola – Torre del Greco – L’autunno incede, e con lui la voglia di ritrovare i sapori tipici della stagione fredda. Amate da tutti, le polpette da sempre hanno rappresentato l’opportunità di recuperare il pane raffermo e di acquistare tagli "minori" di carne.

Ingredienti per 8 persone:

Per il sugo:
olio extravergine d’oliva
1 cipolla piccola
passata di pomodoro (meglio se fatta in casa!)
concentrato di pomodoro
sale

Per le polpette:
300 gr. di carne di maiale macinata
300 gr. di carne bovina macinata Va benissimo il II° taglio)
3 uova grandi oppure 4 piccole
parmigiano reggiano grattugiato q.b
1 spicchio d’aglio tritato finemente
una generosa manciata di pinoli
una generosa manciata di uva passa
150 gr. di pane raffermo
latte intero
sale
prezzemolo tritato

Esecuzione:

Preparate il sugo, facendo appassire in pochissimo olio la cipolla affettata sottilmente. Quando inizierà a dorarsi, aggiungere 1cucchiaio di concentrato di pomodoro diluito in acqua tiepida. Fate cuocere per pochi minuti ed aggiungete 1lt di passata di pomodoro. Riportare ad ebollizione a fuoco lento, facendo attenzione che il sugo "pappolei", vale a dire che sobbolla.

Nel frattempo, preparate le polpette. Mettete il pane raffermo a bagno nel latte. Sistemate le carni in una capiente terrina, rompete le uova ed impastate bene con le mani. Aggiungere il pane bene strizzato, l’aglio finemente tritato, prezzemolo, parmigiano, pochissimo sale, pinoli e uvetta. Impastate a lungo con le mani, amalgamate alla perfezione tutti gli ingredienti.
Fate riposare il composto per almeno venti minuti. Formate polpette piuttosto grandi, che friggerete in abbondante olio extravergine bollente. Fate asciugare le polpette su carta assorbente. Quando saranno intiepidite, tuffatele nella salsa di pomodoro (che continua a sobbollire), fatele cuocere per un’ora e poi raffreddare.Con il sugo potrete condire pasta corta (mezzani, eliche, fusilli etc.), ma se volete attenervi alla tradizione partenopea, usate gli ziti, che spezzerete prima di lessarli. Se volete evitare la frittura, potrete cuocere le polpette nel forno oppure direttamente nel sugo.

Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea de La Torre 1905 in edicola il 18 novembre 2009