Il sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba, ha sottoscritto stamattina dinnanzi all’ Autorità di Pubblica Sicurezza del locale commissariato di via Sedivola, un esposto formale per denunciare quanto accaduto la notte del 31 dicembre in via Fontana, diventato oggetto di strumentalizzazione mediatica e politica.

Dopo aver raccolto – nella giornata di ieri – diverse altre informazioni riguardanti il video che, in poche ore, ha fatto il giro di tutti i social giungendo sino alla ribalta delle cronache nazionali, e, dopo aver acquisito numerose segnalazioni fotografiche, il primo cittadino, questa mattina ha incontrato la Dirigente del Commissariato di P.S. per gli atti e le attività prodromiche da intraprendere sulla questione e cercare di addivenire, così, ai possibili responsabili della vicenda.

“Rappresento – si legge testualmente nel corpo del verbale di denuncia – che tali fatti hanno suscitato un forte risalto mediatico, creando un grave danno d’immagine alla città di Torre del Greco facendola apparire come una comunità avvezza a comportamenti incivili e proclivi al non rispetto delle regole che governano la civile convivenza”.

Consegnate, inoltre, e allegate alla denuncia tutte le immagini reperite e individuate, sulle quali si svilupperà nei prossimi giorni il lavoro degli agenti della Polizia.

“Esprimo personalmente – le parole del sindaco Giovanni Palomba – e a nome dell’intera Amministrazione comunale, ferma condanna nei confronti di atti così volgari e incivili, espressione di un evidente degrado culturale che mortifica il nome, le professionalità e le eccellenze di Torre del Greco. Non permetteremo oltre che si faccia sciacallaggio nè politico, nè di alcuna altra natura speculando sull’immagine della città. Soprattutto, non resteremo inermi sul da farsi. Anzi, con l’esposto di questa mattina, abbiamo iniziato ed avviato le procedure del caso, insieme alle preposte e specifiche Autorità. Questa Amministrazione non fa come gli struzzi. Anzi, affronta a viso aperto qualunque problema riguardi la collettività amministrata.
Invito – la chiosa di Palomba – tutti i cittadini Torresi che avessero altre informazioni, o, altro materiale utile alle indagini a rivolgersi alla Polizia di Stato e a denunciare quanto saputo e visto.
La civiltà appartiene all’educazione di ciascuno di Noi; non é un provvedimento amministrativo”.