Napoli – M5S, Cammarano: “Allevamenti intensivi, non criminalizziamo anche gli imprenditori onesti”

Il post del consigliere regionale: “Pronto a far conoscere alla Innocenzi le tantissime realtà sane del comparto campano”

“Non è criminalizzando un’intera categoria che si dà forza a un’inchiesta giornalistica. Ben vengano le denunce a mezzo stampa e tv, sia benedetta la diffusione di immagini, anche forti che, nella loro atrocità, ci restituiscono un fenomeno in tutta la sua orribile verità. Ma non si faccia di tutta l’erba un fascio. Non è giusto per la stragrande maggioranza degli allevatori onesti, che con sacrificio e sudore hanno contribuito e contribuiscono a rilanciare, con i loro prodotti di eccellenza, l’immagine della nostra amata Campania. E’ certamente lodevole il lavoro realizzato da Animal Equality. Giova però ricordare, per amore della verità, che vengono replicate immagini già trasmesse due anni fa su alcune delle principali emittenti nazionali, compresa la tv di Stato. Così come è opportuno ricordare che è stato anche grazie a quelle sequenze che immortalano la crudeltà di sedicenti allevatori, oltre alle segnalazioni e alle puntuali denunce delle associazioni animaliste, che sono scaturite indagini della magistratura che hanno portato alla chiusura di aziende nelle quali venivano riservati trattamenti disumani nei confronti delle bufale. Operazioni che abbiamo sempre accolto con un plauso. Punire i pochi disonesti serve a tutelare i tantissimi allevatori onesti. Ed è solo grazie a questi ultimi che la nostra mozzarella di bufala costituisce da anni una risorsa fondamentale per l’economia della nostra terra”. Lo scrive il consigliere regionale M5S Michele Cammarano in un post sulla sua pagina Facebook.

“Demonizzare un intero comparto, oltre a non rappresentare la verità, rischia di produrre luoghi comuni retorici e controproducenti. Come quando si afferma, ad esempio, che Scampia o Casal di Principe, i cui residenti sono in prevalenza persone perbene, siano terre abitate da soli camorristi. Non abbiamo bisogno di qualunquismo – prosegue Cammarano – né di dare enfasi a un fenomeno per affrontarlo e risolverlo. Ma di verità e collaborazione. A Giulia Innocenzi – conclude il consigliere regionale – oggi dico che la ringrazio per la sua opera di instancabile denuncia giornalistica. E non è certo in un’aula di tribunale che mi auguro di incontrarla. Auspico, piuttosto, di poterla accompagnare nel percorso di realizzazione di una nuova inchiesta grazie alla quale, oltre a scoprire eventuali nuove realtà da denunciare e far chiudere, mettere in luce anche la parte sana del comparto campano dell’allevamento. Quella di chi da generazioni produce i migliori prodotti caseari di qualità, prendendosi cura degli animali e operando perché siano allevati nelle migliori condizioni possibili. Parliamo di imprenditori che con i loro lavoratori rappresentano un brand da tutelare e non possono essere mescolati con quei pochi criminali immortalati in quelle immagini che auspichiamo facciano il giro del mondo”.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono