E’ stata inaugurata a S.Fili (CS), al teatro Gambaro, la terza edizione di Transizioni, la stagione teatrale della Residenza Teatri Meridiani che ha avuto inizio con Gigi De Luca e la sua compagnia, molto apprezzata negli anni scorsi, in scena il giorno 22 e 23 marzo scorsi. De Luca ha dato vita ad una serata che ha visto protagonista la grande tradizione napoletana dal titolo “Il teatro e la canzone napoletana” accompagnata dalle musiche eseguite e dirette dal M° Tommaso Maione. In una prima fase si sono succeduti una serie di personaggi che, tra canzoni e pezzi di varietà della tradizione napoletana, hanno allietato e divertito il GigiDeLuca-MirellaCarnile-Musica-Ciechipubblico. Personalità di rilievo sono state Ciro Meglio e Gino De Luca, quest’ultimo figlio di Gigi De Luca, Imma Colantonio e Chiara De Luca. Ma la serata ha toccato il suo apice con l’atto unico di Raffaele Viviani dal titolo “La musica dei ciechi”, con Gigi De Luca e con Mirella Carnile, Gino De Luca, Ciro Meglio, Ciro Mazaner, Tommaso Maione, dal significato straordinariamente intenso. Tre ciechi girovaghi, suonatori ambulanti, guidati da un impresario, mendicano in un angolo di Borgo S. Lucia suonando canzoni napoletane; uno di questi, Ferdinando, il M° di Contrabbasso è sposato con Nannina. L’ostricaro fa credere al povero cieco che Nannina è una piacente donna ed ha una relazione con il con il suo impresario.

Preso dalla gelosia, Ferdinando, scaccia la moglie e vuole abbandonare l’orchestrina, ma a ricondurlo sulla v ia della ragione è proprio l’amara confessione della donna che gli dice di essere brutta, e che non può essere mai desiderata da nessun altro se non da un cieco come lui. Nonostante il forte tema non sono mancati momenti di ilarità. S i chiude la serata in allegria con altri pezzi di varietà, canzoni e un’insolita interpretazione di Malafemmena, un po’ cantata e un p o’ recitata. L’ennesimo grande successo per questi artisti torresi.
Alessia Rivieccio

Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 2 aprile 2014