Guardia-Costiera-motoscafoNell’ambito del capillare e diuturno pattugliamento della fascia litoraneo/costiera del Compartimento marittimo gli uomini della componente operativa navale della Guardia Costiera corallina, hanno proceduto al fermo e sequestro di una imbarcazione da diporto risultante priva di assicurazione obbligatoria e in navigazione sostenuta nella fascia di mare antistante al zona Litoranea di Torre del Greco destinata in via esclusiva alla balneazione .
A carico dei due giovani conducenti originari anch’essi di Torre del Greco si è proceduto alle prescritte contestazioni di legge ed all’elevazione di relativo verbale di sanzione amministrativa.
L’azione posta in essere dall’ equipaggio della motovedetta CP 549.della Capitaneria di porto di Torre del Greco ha evitato che attraverso tale atteggiamento irresponsabile potessero derivare gravi pregiudizi per la sicurezza dei bagnanti
Sempre nel corso della stessa operazione sono stati elevati ulteriori verbali di infrazione amministrativa per navigazione sottocosta, mancanza documenti di bordo, per esercizio dell’attività subacquea non professionale in zona destinata alla balneazione.
Quattro (4) invece le infrazioni accertate in materia di Pesca che hanno portato al sequestro di decine di attrezzi e di oltre 200 mt. di rete da posta collocate in prossimità della costa e delle infrastrutture portuali di Torre del Greco e Portici potenzialmente pericolose per la sicurezza della navigazione ;
Proseguite, altresì, senza soste le verifiche sulla costa finalizzate al contrasto dell’abusivismo demaniale marittimo e a tutela dell’ambiente.
Le verifiche espletate nei giorni scorsi da parte del personale militare in forza alla Capitaneria di Porto di Torre del Greco, hanno interessato alcuni stabilimenti balneari del litorale ricompreso tra Portici, Ercolano e Torre del Greco, ed hanno consentito di portare alla luce ulteriori situazioni di abusivismo di carattere urbanistico/edilizio e paesaggistico e demaniali marittime in relazioni alle quali risultano in corso relativi approfondimenti accertativi da parte degli ausiliari tecnici intervenuti ai fini della loro qualificazione e quantificazione.

Si ricorda, che in caso di emergenza in mare è sempre attivo su tutto il territorio nazionale il “Numero Blu 1530”, un servizio gratuito per il cittadino, grazie al quale è possibile comunicare con il Comando delle Capitanerie più prossimo alla località da cui viene effettuata la chiamata di emergenza, anche se questa viene effettuata da telefonia mobile.