Le ipotesi: un gioco pericoloso o vittima di un randagio
Un ragazzo di 16 anni è ricoverato in rianimazione in gravi condizioni al Secondo Policlinico per un trauma cranico che si è provocato in una modalità che ancora non è chiara, in compagnia di alcuni amici. Una versione parla di un tragico gioco tra compagni finito male, mentre un’altra versione racconta di un incidente avvenuto nel tentativo di evitare un morso da parte di un cane randagio.

L’altro giorno, erano da poco passate le otto di sera, quando un gruppo di amici stava giocando sulle scale Villa-Comunale-Scale-tdgdella Villa Comunale di Torre del Greco, quelle che dal corso Vittorio Emanuele si utilizzano per raggiungere via Sant’Anna. Dai primi resoconti non si capisce bene se il gioco tra ragazzi consisteva nello sfidarsi a chi riusciva a scivolare più a lungo sul corrimano delle scale, oppure se si trattava di una gara a chi riusciva a saltare quanti più gradini con un unico salto. Altre testimonianze, invece, raccontano di un cane randagio che ha cercato di mordere ai polpacci il povero 16enne, il quale nella foga di svincolarsi dall’attacco del quadrupede, è inciampato incrociando i piedi. A prescindere da cosa a provocato l’incidente, l’epilogo è stato drammatico: il ragazzo che cade a malo modo battendo il cranio a terra. Paura e sgomento, sono stati i primi sentimenti che hanno invaso i presenti, tra questi gli amici e i parenti avvisati del tragico evento. Il 16enne spiaccicato ed immobile. Per un attimo si è temuto il peggio. Il sangue ha incominciato a colorare il pavimento. Subito sono stati allertati i soccorsi. Sul posto un’ambulanza del 118 che è ha trasportato il ferito nella struttura napoletana del Policlinico. Appena intervenuti i medici dell’unità di soccorso si sono trovati davanti il ragazzo che aveva una perdita di sangue dall’orecchio, imputabile al trauma della caduta, che hanno definito tecnicamente un’ otorragia in corso. Quindi la corsa in ospedale. Ora il giovane è ricoverato in rianimazione nella struttura ospedaliera napoletana per un gravissimo trauma cranico. Una volta arrivato è stato subito intubato. Per il momento la prognosi del ragazzo resta riservata. I familiari restano in apprensione.
Alan