Crac Deiulemar. Gli obbligazionisti scrivono alla redazione di Report. Un gruppo di investitori che ha perso i risparmi di una vita nel crac della società di navigazione Deiulemar, prende carta e penna e scrive alla Report-Milena-Gabbanelliredazione della trasmissione di Rai 3 Report. “Come mai – scrivono – egregia giornalista Claudia Di Pasquale non vi occupate del crack del secolo che ha lasciato sul lastrico oltre 11.000 obbligazionisti della Deiulemar compagnia di navigazione spa? Eppure il nostro caso secondo per numeri solo alla Parmalat, contiene tutti gli elementi per meritare le giuste attenzioni televisive. Abbiamo già inviato numerose missive in tal senso, ma tutto tace. Vorremmo non pensar male, ma onestamente non ci riesco. Cominciamo a pensare seriamente che anche la tv di Stato pur essendo pubblica, è manipolata e telecomandata dai cosiddetti poteri forti che impediscono disanime ed approfondimenti seri e certosini sull’ex colosso del mare: Deiulemar, battezzata da Fabio Pavesi (il sole 24 ore) la Parmalat del mare”. Questa è l’ultima delle tante iniziative messe in piedi dagli obbligazionisti Deiulemar per avere “giustizia”. Sono più di 11mila gli obbligazionisti della Deiulemar compagnia di navigazione che sono stati travolti dal fallimento da 800milioni di euro dell’ex colosso armatoriale che aveva sede a Torre del Greco.