Festa dell’Immacolata. Ciro Borriello: il sindaco portatore promette di cambiare la città. Una giornata di sole splendente è quella che ha accompagnato il carro dell’Immacolata ed i tanti fedeli (si è calcolato che, tra il 7 e l’8 dicembre, le presenze a Torre hanno avuto una notevole impennata di presenze. Sono venute persone Ciro-Borriello-portatore-carro-2014da ogni angolo della Terra, tutto per rendere omaggio all’Immacolata Concezione, durante la processione nelle strade del centro di Torre del Greco). La partenza, come da programma, è iniziata alle 10 (momento in cui fu avvertita la prima scossa sismica l’8 dicembre 1861 e che ispirò il voto dei torresi) dalla piazza Santa Croce. Alle 16 (momento in cui, nel 1861, il Vesuvio iniziò la sua attività eruttiva) il carro, dopo aver attraversato gran parte del centro storico, ha fatto il suo ritorno nella Basilica. Davanti al corteo spiccava la personalità del parroco della Basilica di Santa Croce, don Giosuè Lombardo, che ha ricordato che il carro di quest’anno è dedicato alla Famiglia, il cui titolo si ispira proprio ad una sua opera“Ave, Sposa dello Spirito e Madre dell’Umanità”. Don Giosuè ha poi ricordato che “Il titolo vuole far riflettere sui ruoli che la Madonna ricopre nelle nostre vite e nelle nostre famiglie. Ella è Figlia del Padre, Madre del Figlio e Sposa della Spirito, l’essenza dell’Amore Trinitario, la perfetta unione tra l’uomo e Dio e l’indiscusso esempio da seguire”.
A seguire la processione, c’era la fascia tricolore del sindaco Ciro Borriello, che, in un determinato momento, si è tolto la giacca, si è accorciato le maniche della camicia e si è messo sotto al carro insieme agli altri portatori. La processione, però, non è stata tutta rose e fiori, ma ci hanno pensato commercianti e cittadini a rendere la sfilata un po’ movimentata. Infatti, prima della sfilata del carro, alcuni negozianti hanno denunciato lo stato di sporcizia in cui gli ambulanti delle bancarelle del torrone hanno lasciato il marciapiede dove hanno esposto la loro merce. In più, durante il percorso, il sindaco Ciro Borriello ha ricevuto tantissime critiche, tant’è che dopo qualche ora, sul suo profilo Facebook ha scritto: “In questi giorni vedo e sento critiche di tutti i tipi alcune anche giuste…altre veramente senza senso …ma state tranquilli o cambio Torre in una città svizzera entro un anno o mi dimetto…appuntamento al prossimo Natale”.
Sul fronte viabilità, invece, ci sono stati numerosi controlli dei vigili urbani che hanno sequestrato merce ad ambulanti sprovvisti di licenza, mentre con il carro attrezzi sono state rimosse anche alcune auto in divieto di sosta. Ma la notizia più eclatante è quella che ha visto protagonista un venditore ambulante (G. D.) di 24 anni che ha aggredito e minacciato degli agenti municipali colpevoli di non avergli dato il permesso di passare con il suo Apecar per via Roma (chiusa al traffico proprio per la festa dell’Immacolata). Il giovane è stato arrestato e ora verrà giudicato con rito direttissimo.