Torre del Greco – La città si è ormai svegliata ed i torresi si apprestano a vivere l’ennesima giornata dell’era Covid.

In più punti, il territorio torrese non brilla. Anzi. Offre ancora uno scenario che manda su tutte le furie i cittadini. Uno di questi è un via Aldo Moro, nei pressi del centro cittadino.
Lungo la via, percorsa sia in auto che a piedi, i torresi non possono non notare quanto sia sporca e in pieno stato di degrado.

Sacchetti non raccolti, indumenti lasciati a terra, strade non spazzate: questi sono alcuni dei disagi che offre oggi Torre del Greco. E, naturalmente, la polemica divampa sui social, come accade nell’era moderna, ed in particolare sulla nota piattaforma Facebook.

“Siete un cancro – scrive Nello L. sulla sua bacheca – andate a casa e chiedete perdono alla vostra città”: parole nette senza un palese destinatario, ma che lasciano intendere benissimo che siano rivolte a chi muove i fili dell’amministrazione comunale dal momento che in risposta ad un altro utente, lo stesso cittadino Nello aggiunge :”sull’inciviltà cittadina questi signorotti ci marciano non poco, ma è una prassi di ogni amministrazione. sarebbe auspicabile invece controlli assidui ed efficaci su chi dirige l’orchestra e chi la suona”.
Prima di lui, un altro utente social aveva scritto “Il senso civico non è una priorità del sindaco”.

De resto, il caso Moro del 13 gennaio 2021 non è l’unico. Basta navigare sui gruppi social per capire e documentare che scenari analoghi sono in molti e diversi punti della città. Dalla zona porto alle periferie, passando per il centro. Il grido unanime è sempre lo stesso, la richiesta di una città pulita come non si vede ormai da anni.
Del resto, oltre alla gestione politica, l’affaire rifiuti è uno dei punti più deboli di questa amministrazione comunale targata Giovanni Palomba.