rende-turris_2016Torre del Greco – È bastata una Turris semplice e pratica per conquistare una vittoria importante per classifica (la vetta resta a cinque lunghezze, distanza che però si sarebbe ulteriormente incrementata in caso di non successo) e morale (dopo la sconfitta casalinga con il Gladiator). Il merito di Baratto, tornato in panchina dopo l’esonero di Giacomarro, è stato quello di tornare al 4-4-2 e badare al risultato senza tanti fronzoli. Troppo presto per dire se questa squadra sia guarita oppure no, ma l’iniezione di fiducia generata da questa vittoria è medicina necessaria per restare aggrappati con le unghie al gruppo di testa e, in attesa del mercato di dicembre, per lavorare con tranquillità. Baratto schierava Abagnale tra i pali; difesa a quattro con la coppia centrale De Gol-Imparato (ultima giornata di squalifica per Di Girolamo), Barbiero e Perinelli sulle fasce; centrocampo affidato al duo Danucci-De Rosa, Morella e Somma sulle corsie laterali (panchina per Palumbo e Petrone); Picci-Evacuo la coppia d’attacco. Ottimo l’approccio di gara dei corallini, propositivi e per niente timorosi. La prima occasione, però, capitava al 9’ ai padroni di casa: Boscaglia serviva in area Ferreira che provava a beffare Abagnale con un pallonetto di testa, ma il portiere corallino riusciva a smanacciare. La Turris c’era e al 15’ passava: Danucci serviva in area Evacuo con uno splendido assist, l’attaccante corallino non sbagliava e faceva uno a zero con un bel diagonale. Ti aspetti la reazione del Rende ed invece a sfiorare il gol erano ancora i corallini: al 21’, Somma arrivava a tu per tu con Puterio, ma la sua conclusione veniva deviata in angolo. La Turris era padrona del campo e cercava l’affondo per raddoppiare (ancora Somma vicino al gol), ma la prima frazione si chiudeva così. Nella ripresa, i padroni di casa partivano meglio e trovavano il pari al 12’: sugli sviluppi di una punizione, Viterriti, tutto solo, batteva Abagnale con un bel tiro al volo. La Turris aveva il merito di non disunirsi e reagiva al 17’ con Evacuo: l’attaccante vinceva il duello fisico con un difensore calabrese, entrava in area, ma la sua conclusione veniva ribattuta da Puterio. Baratto inseriva Varriale e Palumbo per Evacuo e Morella (concreta la sua prestazione), il Rende ci provava dalla distanza con Benincasa (palla di poco fuori), ma al 33’ la Turris passava: al termine di una bella azione in contropiede, splendida sponda di testa di Somma per Varriale che calciava al volo e faceva due a uno con l’aiuto del palo. Il Rende sfiorava il pari per un errore di De Gol (poi salvataggio sulla linea), ma era proprio un errore a condannare i calabresi: retropassaggio di Marchio, pressato da Palumbo, per Puterio che controllava male la sfera e la palla finiva clamorosamente in rete. La gara finiva così, con la Turris che guadagnava gli applausi dei circa cento supporters giunti da Torre del Greco e con la squadra che abbracciava il tecnico Baratto (nella foto tratta dal portale cosenzachannel.it). Un bel segnale per tutto l’ambiente, adesso occorrerà dare un segnale al campionato.
Andrea Liguoro

RISULTATI 11° GIORNATA – SERIE D, GIRONE I
AVERSA NORMANNA – SANCATALDESE 0-0
CAVESE – FRATTESE 3-0
GLADIATOR – DUE TORRI 1-0
IGEA VIRTUS – POMIGLIANO 3-1
PALMESE – SICULA LEONZIO 2-0
RENDE – TURRIS 1-3
ROCCELLA – GELA 0-2
SARNESE – CASTROVILLARI 2-1
SERSALE – GRAGNANO 3-3

LA CLASSIFICA
IGEA VIRTUS 24
CAVESE 23
SICULA LEONZIO 21
GLADIATOR 20
RENDE 20
GELA 19
PALMESE 19
TURRIS 19
POMIGLIANO 18
FRATTESE 14
SANCATALDESE 13
AVERSA 13
SARNESE 12
GRAGNANO 11
ROCCELLA 9
CASTROVILLARI 4
DUE TORRI 3
SERSALE 3