Zero a zero della Turris sabato pomeriggio, zero a zero della Sessana domenica pomeriggio. A scacciare l’incubo sorpasso ci ha pensato il Procida: gli isolani, infatti, hanno fermato i casertani sul pari ed in testa alla classifica tutto è rimasto invariato, con i corallini che per la seconda settimana consecutiva si godono la vetta solitaria. Sessana a meno uno, quindi; accorcia invece il distacco l’Ercolano da nove a sette punti grazie alla vittoria (2-0) nel derby con il Portici; ormai fuori dai giochi il Volla. Se il punto ottenuto con lo Stasia-Turris-2015-occasione-GrezioStasia (così come quello con il Campania) sia da vedere come bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, a questo punto, è un rompicapo di difficile soluzione: da un lato il rammarico per aver fallito la seconda occasione consecutiva di allungo (nella migliore delle ipotesi, la Turris si sarebbe potuta trovare addirittura a +5), dall’altro la consolazione di essere rimasti ancora in testa nonostante i due pareggi ottenuti nelle ultime due partite su due campi in terra battuta che oggettivamente hanno messo non poco in difficoltà Manzo e compagni. La verità, come sempre, sta nel mezzo e prendere un punto (anche quando non si può vincere) permette adesso alla Turris di guidare comunque la classifica, con una giornata in meno da disputare e con lo scontro diretto che si avvicina. Nella sfida con lo Stasia, Santosuosso optava per un 4-4-2: l’esperto Apuzzo tra i pali; difesa a quattro con la coppia centrale Gallo-Imparato (ancora out De Carlo), Somma a destra e la novità Ferrara a sinistra (indisponibile Gazzaneo); La Montagna- Lordi al centro del campo (squalificato Manzo), Apparenza e Iuliano sulle fasce (destra e sinistra, rispettivamente); in attacco, Grezio e Ferraro (non Majella, l’escluso eccellente) dal primo minuto. Assente anche Schettino che più volte si era dimostrato un vero e proprio jolly a partita in corso: problema ai legamenti del ginocchio che fa temere un lungo stop (in settimana si saprà qualcosa in più). Il campo in terra battuta, reso ancora più pesante dalla pioggia incessante che ha imperversato sul “De Cicco” di Sant’Anastasia per tutta la gara, non consentiva molte trame di gioco palla a terra e così nelle prime battute le uniche conclusioni nascevano da tiri dalla distanza che non creavano grossi grattacapi ai due portieri. Poi, al 20’, era la Turris a reclamare un rigore per una trattenuta evidente su La Montagna, ma Lopriore di Foggia non ravvisava gli estremi del penalty. Santosuosso passava allora al 4-3-1-2 accentrando Iuliano, la manovra ne beneficiava e Grezio, al 22’, aveva sui piedi l’occasione dell’uno a zero (nella foto di Salvatore Varo): l’attaccante corallino si involava sul lancio di Lordi, ma si allungava troppo la palla ed il tocco a tu per tu con Amato in uscita non risultava vincente. Anche lo Stasia si rendeva pericoloso con le conclusioni del sempre temibile Micalizzi e di Puccinelli, che prima metteva in difficoltà Apuzzo con un tiro insidioso, poi colpiva il palo sugli sviluppi di un angolo. I padroni di casa andavano ancora vicinissimi al gol prima della fine del tempo: Nucci, tenuto in gioco da Apparenza, si involava e serviva al centro l’accorrente Colucci a pochi passi dalla porta, ma Imparato sventava il pericolo mettendo in angolo. Nella ripresa, Santosuosso inseriva Majella e passava al 4-3-3, ma era lo Stasia a dare una mano ai corallini quando al 10’ il difensore Ayari si faceva espellere per un intervento durissimo su Grezio. In superiorità numerica ti aspetti allora una Turris all’assalto, ed invece il predominio territoriale (con Iuliano che saliva in cattedra) si rivelava sterile ed anzi era lo Stasia ad andare vicinissimo al gol con un colpo di testa del solito Micalizzi. Ferraro ci provava allora d’astuzia a procurarsi un rigore, ma Lopriore non abboccava, poi era Majella a non trovare la zampata vincente a pochi passi dalla porta dopo un errato disimpegno di Amato. La Turris attaccava, ma era poco pratica e non sfruttava a dovere le poche occasioni create (soprattutto i calci da fermo), Amato non correva concretamente alcun pericolo e finiva così. Con uno zero a zero che lascia la Turris in vetta.
Andrea Liguoro

ECCELLENZA GIRONE A – RISULTATI 20° GIORNATA
SAN GIORGIO – CAMPANIA 3-0
VOLLA – GLADIATOR 1-1
QUARTO – CASAGIOVE 3-0
SESSANA – PROCIDA 0-0
STASIA – TURRIS 0-0
ERCOLANO – PORTICI 2-0
FORIO – SIBILLA 2-2
PUTEOLANA – SAN MARCO TROTTI 0-2

LA CLASSIFICA
TURRIS 47
SESSANA 46
ERCOLANO 40
VOLLA 34
SAN MARCO TROTTI 30
PORTICI 27
GLADIATOR 26
STASIA 24
CAMPANIA* 23
SIBILLA* 23
QUARTO 21
PROCIDA 20
FORIO 20
CASAGIOVE 19
SAN GIORGIO 19
PUTEOLANA 17
*una gara in meno