Vittoria straripante della Turris, ma per l’accesso ai Play-off si dovrà vincere a Brindisi

Turris: Sorrentino, Lagnena, Esposito, Visciano (17’ s.t. Leccese), D’Arienzo, Vitiello, Izzo, Cangini (5’ s.t. Qualano), Pirro (1’ s.t. Castellano), Margheriti, Gaglione. All. La Scala.
Lavello: De Blasio, Levano, Di Marino (30’ p.t. Laus), Carlà, Castone (38’ s.t. Graziano s.v.), Carretta, Caccavale, Zanfardino, Ruggiero, Scippo (17’ s.t. Chiaramonte), Corigliano. All. Stasi.
Arbitro: Susanna Vitulano di Livorno.
Marcatori: 15’ p.t. Cangini, 22’ p.t. Pirro, 23’ p.t. Lagnena, 2’ s.t. Castellano, 47’ s.t. Izzo.
Spettatori: 2500 circa

Nell’ultima gara di campionato al “Liguori”, la Turris strapazza il Lavello con una cinquina. A questo punto decisiva sarà la gara di Domenica a Brindisi: una partita che ha il sapore di un vero e proprio spareggio per l’accesso ai Play-Off e che i corallini dovranno vincere a tutti i costi.
Nella gara di oggi, le uniche novità rispetto alla gara di Mercoledì erano l’impiego di Esposito (rientrato dalla squalifica) schierato al posto di Iervolino (uscito malconcio dalla gara con l’Altamura) e Gaglione al posto di Macari ad operare sulla fascia sinistra di centrocampo. Pronti via e la Turris fa subito capire di voler far sua la partita: al 4’ è Cangini a servire Pirro che però spara alto. Al 9’ la Turris in pressing recupera palla con Margheriti che serve Cangini, ottimo il suo cross ma blocca De Blasio. Al 10’ si affaccia timidamente il Lavello con Caccavale: il suo cross diventa un tiro che si spegne sopra la traversa. Al 14’ inizia il monologo corallino con Lagnena che, lanciato da Izzo, si invola verso l’area ma il portiere lo anticipa. Un minuto dopo arriva il gol: Izzo lancia Margheriti sulla destra che crossa in mezzo, lo stesso Izzo svirgola , prende palla Pirro che con un colpo di tacco smarca Cangini (premiato nel pre-partita dai tifosi come miglior giocatore di questo campionato e meritandosi una standing ovation al momento della sostituzione ad inizio secondo tempo) che a tu per tu con De Blasio lo trafigge. Passano 7 minuti e la Turris raddoppia: cross di Margheriti dalla sinistra per Pirro che insacca di testa. Passa un minuto e la Turris chiude praticamente il match: lancio di Izzo per Lagnena che serve Pirro in area, l’attaccante corallino, spalle alla porta, difende la palla e serve l’accorrente Lagnena che di piatto destro insacca De Blasio. Il Lavello è stordito e solo al 24’ si fa vedere in attacco con una punizione deviata di testa da Vitello, ma Sorrentino esce e blocca. La Turris non è sazia e continua a creare occasioni: al 27’ Margheriti batte un calcio d’angolo servendo Esposito che da fuori area prova il tiro al volo, ma De Blasio blocca. Al 32’ è Pirro a provarci, ma il suo tiro è lento ed il portiere blocca. Un minuto più tardi, Margheriti serve Cangini che a tu per tu con De Blasio si fa anticipare da Castone. Al 39’ è ancora Margheriti a servire in profondità Izzo che però spara alto. Al 42’ Margheriti prende il palo, ci prova Gaglione sulla ribattuta, ma De Blasio blocca. Si conclude così il primo tempo tra gli applausi dei circa 2500 sostenitori giunti al “Liguori”.
Al rientro dagli spogliatoi, la musica non cambia: La Scala sostituisce Pirro con Castellano che al 2’ vince un rimpallo, si invola e a tu per tu con De Blasio insacca. Insiste ancora la Turris: al 3’ ci prova Gaglione con un tiro che termina a lato e al 10’ Margheriti su punizione ma la palla è fuori di poco. Al 7’ ci prova il Lavello con una punizione che però non impensierisce Sorrentino. Torna a farsi vedere la Turris al 21’ con Castellano che supera De Blasio, ma si defila troppo ed il suo pallonetto è agevolmente intercettato da Castone. Al 24’ è ancora Castellano che, servito da Margheriti, spara alto. Un minuto più tardi ci prova il Lavello con Zanfardino ma il suo tiro è alto. Al 28’ e al 35’ è ancora Turris: prima Qualano (subentrato a Cangini) entra in area ma il suo tiro è debole, poi al 35’ Margheriti salta un uomo, entra in area ma il suo tiro termina a lato. Al 37’ il Lavello ha l’occasione per segnare il gol della bandiera: dubbio atterramento in area da parte di Leccese, l’arbitro assegna il rigore ma Sorrentino ipnotizza Caccavale e devia in calcio d’angolo. Al 41’ ancora occasione per la Turris con Castellano che, in area, dopo una bella combinazione tra Lagnena e Leccese, riceve da quest’ultimo, salta due uomini e tira, ma De Blasio si supera e respinge. Si attende solo il triplice fischio finale quando arriva il quinto gol: nel secondo dei 3 minuti di recupero, Izzo sorprende da centrocampo il portiere ospite ed insacca meritandosi gli applausi dell’intero pubblico.

Nino Aromino