Napoli – Le previsioni pessimistiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che parla di aumento consistente dell’epidemia a novembre, sta spingendo verso la produzione di un numero record di vaccini contro l’influenza.

In queste ore si accentuano le tensioni tra le Regioni e i farmacisti, che rischiano di avere poche dosi per il mercato privato.

In Campania si accelerano le procedure per le vaccinazioni anti influenzali, in modo da evitare confusione nell’assistenza sanitaria e ospedaliera. Sars-Cov-2, cioé il coronavirus, e le diverse influenze stagionali possono rivelarsi con sintomatologie simili, benché distinte nell’evoluzione dell’infezione.

La Regione Campania ha nel frattempo preparato un protocollo che consentirà in 24 ore di distinguere le tipologie di casi.