Le ricette di Angie – A Catania, tra i dolci tipici dolci tradizionali preparati per la ricorrenza di sant’Agata Olivette-di-Sant_Agatapatrona della cittadina siciliana oltre alle famosissime Minne di Vergine vi sono le le olivette di sant’Agata (in siciliano alivetti o aliveddi ri Sant’Àjita) che vengono preparate prima e durante la festa della santa. Sono dolci a forma di oliva realizzati in pasta di mandorla ricoperti di zucchero e colorati di verde. Esiste anche una variante dove le tradizionali olivette sono ricoperte di cioccolato.
La ricetta che propongo è tratta dal sito di Marcella 20Candido Cianchetti.
Ingredienti per 6 persone:
– gr 500 di pasta di mandorle
-2/3 cucchiai di rosolio oppure di rum
– il succo di spinaci crudi per dare il colore verde,oggi è sostituito da un colorante alimentare verde.
Pasta di mandorle:
– gr 500 di mandorle dolci di Avola spellate
– gr 500 di zucchero a velo
– 1 dl d’acqua
– 6 gocce d’essenza di mandorle amare
– 6 gocce d’essenza di cannella
-1 busta di vanillina.
Esecuzione: Tritate le mandorle, mescolate lo zucchero con l’acqua in un tegame, scaldate a fuoco dolce, mescolando con un mestolo di legno, fino a quando lo zucchero non incomincerà a filare. Spegnete il fuoco ed incorporate la vanillina e le gocce d’essenze ed infine la farina di mandorle rimestando energicamente unendo il liquore stemperato con qualche goccia di colorante. Stendete l’impasto in uno strato abbastanza spesso.Staccate delle palline e date loro la forma di olive. Disponetele in un vassoio e lasciatele asciugare per 24 ore. Guarnite ogni olivetta con una foglia d’olivo. Questa è la ricetta Catanese, ma al di fuori del territorio ci sono 2 varianti quella che utilizza la pasta di pistacchio di Bronte, e l’altra in cui le olive vengono intinte parzialmente in cioccolato fondente fuso.

Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 08 ottobre 2014          




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono