“E’ doveroso discutere una nuova mozione di sfiducia al sindaco Ciro Borriello in Consiglio comunale. Si sa bene che già dall’inizio della consiliatura gli equilibri interni della maggioranza hanno compromesso gravemente i lavori di questa amministrazione e che la fiducia nei riguardi del governo cittadino non esiste realmente neanche tra la maggioranza. Manca, però, il coraggio di affermarlo pubblicamente e si tira avanti tra presunti ricatti e presunte reciproche concessioni, forse nella speranza di usare la città come trampolino di lancio per sedersi su qualche poltrona ritenuta forse più prestigiosa. E così si finisce per rimandare una già lunga ed ineluttabile agonia di un’amministrazione morente”.

Lo dichiara il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Torre del Greco, Ludovico D’Elia.

“Ma ovviamente il fattore scatenante della mia richiesta – continua – sono le ultime vicende giudiziarie con la condanna del sindaco a un anno di reclusione in un processo che lo ha visto coinvolto insieme ad altri amministratori, ex amministratori e dipendenti comunali. Questa notizia getta sempre più ombre e discredito sulla corretta gestione amministrativa passata e futura della nostra città. E’ un momento molto delicato per il futuro amministrativo e, in attesa che il sindaco prenda la sua personale decisione, la situazione impone a tutti gli organi politici comunali, senza alcuna distinzione tra maggioranza e minoranza, di pronunciarsi in modo forte e inequivocabile sulla possibilità dell’attuale amministrazione e dell’attuale sindaco di andare avanti assumendosi le proprie responsabilità al cospetto dei cittadini, nel rispetto della propria dignità e del mandato elettorale ricevuto”.