Borriello grida “Detto fatto”, Gorga (Pd) tuona: “Vittoria dei cittadini e dei loro sacrifici”
“Sull’ospedale Maresca le promesse fatte durante la campagna elettorale dello scorso anno sono state ampiamente mantenute”: queste le parole del sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, a margine della Ciro-Borriello-Imbronciatoconferenza stampa sul “Riordino della rete ospedaliera” presentato alla Regione Campania dal governatore
Stefano Caldoro. Il primo cittadino, come altri amministratori comunali e responsabili delle Asl campane, ha preso parte all’incontro con i giornalisti durante il quale ampio spazio è stato dedicato proprio al nosocomio di via Montedoro. “Da ora e in avanti – prosegue Borriello – , insieme alla Regione, dobbiamo lavorare per potenziare o riattivare alcuni reparti necessari in un presidio di emergenza come la Medicina, la Chirurgia e l’Ortopedia”. Borriello, inoltre, ricorda quanto lo stesso Caldoro era venuto a dire a Torre del Greco nel corso della campagna elettorale per le Amministrative 2014: “Abbiamo mantenuto le promesse – ripete – grazie anche all’impegno del presidente della Regione. Noi infatti su questa tematica potevamo fare poco, se non sollecitare continuamente i nostri riferimenti a palazzo Santa Lucia. In un momento così importante, sento di dovere ringraziare tutti i cittadini che si sono battuti con noi per la difesa dell’ospedale Maresca e in particolare gli aderenti al comitato Pro Maresca, che non si sono mai stancati di fare sentire la loro voce”.
Clelia-GorgaDi opinione diversa, riguardo la notizia, è il consigliere del Pd Clelia Gorga che attribuisce il risultato di questo successo ai cittadini: “Con i loro sacrifici – afferma Gorga – i cittadini hanno fatto sì che certe decisioni assolutamente impossibili da condividere, venissero cancellate. Ma e’ soprattutto la vittoria dei volontari, dei cittadini del comitato Pro Maresca che per settimane e mesi, anche a costo di guai giudiziari, hanno protestato affinchè il Maresca, unico presidio sanitario di un territorio di oltre 300mila abitanti non chiudesse. Ora lo sforzo della politica, e pensiamo soprattutto di un’amministrazione regionale di centrosinistra – conclude – , dovrà essere quello di potenziare e migliorare tutti i servizi del nosocomio di Torre del Greco”.