Torre del Greco – Alessandra Tabernacolo, componente della Commissione Elettorale: «In maniera democratica abbiamo deciso, internamente al partito di Fratelli d’Italia, di portare avanti la tesi del sorteggio per definire gli scrutatori. Si tratta d’una questione di trasparenza».

La Commissione Elettorale, che si riunisce questa mattina a Palazzo Baronale, ha il compito di nominare i 524 scrutatori (424 effettivi e 100 riserve) per le votazioni del prossimo 26 maggio per l’elezione del nuovo Parlamento europeo.

La Commissione – composta oltre che da Alessandra Tabernacolo, anche dai Consiglieri Comunali Antonio D’Ambrosio, Iolanda Mennella e presieduta dal Sindaco Giovanni Palomba – deve decidere la nomina degli scrutatori ai seggi elettorali; e cioè se procedere con il sorteggio pubblico estraendo i nominativi tra gli iscritti negli appositi albi comunali oppure tramite nomina diretta, metodo che è stato scelto alle ultime elezioni comunali e che ha alimentato numerose polemiche.

«Ringrazio i membri della locale sezione di Fratelli d’Italia – dichiara il commissario cittadino, Luca Alini – per aver condiviso la scelta di adottare il metodo del sorteggio, sperando che tutta l’Amministrazione voglia accoglierlo, il quale è sinonimo di garanzia dei principi di trasparenza ed equità».

«Con questo atto – spiega il responsabile FdI dell’area Miglio d’Oro, Salvatore Quirino -abbiamo voluto dare un segnale concreto per assicurare pari opportunità ed evitare ogni discrezionalità decisionale».