Crisi di maggioranza, l’opposizione gioca di sponda. Pronte le dimissioni dei consiglieri di minoranza. Sono giorni che da Palazzo Baronale arrivano venti di crisi per il governo cittadino guidato dal sindaco Ciro Ciro-Borriello-ImbronciatoBorriello. Alcuni consiglieri di maggioranza sembrerebbe che avrebbero chiesto a gran voce al primo cittadino un “cambio di passo”, rimescolando, dove possibile, le deleghe della squadra di governo con magari anche qualche nuova nomina. Addirittura si mormora che alcuni di loro sono pronti finanche a rassegnare le dimissioni, se non venissero accontetati. Voci o no, l’opposizione arriva in soccorso degli spiriti inquieti che animano la maggioranza e propongono loro di rassegnare le dimissioni in modo da mandare a casa il sindaco Ciro Borriello.
“I sottoscritti consiglieri comunali –è l’inizio del documento prodotto dai consiglieri d’opposizione-: Salvatore Romano, Lorenzo Porzio, Clelia Gorga, Michele Polese del gruppo consiliare Pd, Giovanni Palomba, Nicola Donadio del gruppo consiliare Ncd, Domenico Maida del gruppo consiliare Idv e Alfonso Ascione del gruppo consiliare di Insieme per la Città, alla presenza della consigliera regionale Loredana Raia (Pd), hanno preso atto della crisi in cui versa la maggioranza consiliare che sostiene il sindaco Ciro Borriello”. Tutti insieme hanno dichiarato “la propria incondizionata disponibilità a rassegnare le proprie dimissioni, onde provocare lo scioglimento del Consiglio comunale”. E invitano i “malpancisti” qualora “veramente interessati alle sorti della Città a formalizzare all’unisono con i sottoscritti, le proprie dimissioni dalle rispettive cariche, innanzi al segretario generale e così porre fine a questa inconcludente consiliatura”, è la conclusione del documento prodotto dall’opposizione a Palazzo Baronale.