Malinconico tira dritto. Congelate al momento le dimissioni.
Nel Palazzo della politica locale, a via del Plebiscito, l’ultima luce che si spegne la sera è quella dell’ufficio di Gerardina Martino, la portavoce del sindaco, intenta a scrivere la prima versione del manifesto che Gennaro Malinconico farà diramare nei prossimi giorni per pubblicizzare la realizzazione di “importanti opere” che vedrà impegnato il suo esecutivo di qui in avanti: è questo un modo per dare una risposta al manifesto dell’opposizione che chiedeva: “Dimissioni vere” e per rassicurare la cittadinanza sul proseguo della sua avventura politica.

Infatti, dopo l’incontro avuto l’altra sera tra Gennaro Malinconico e gli uomini della sua maggioranza, la voce ufficiale che trapela è quella di un ritrovato accordo tra il sindaco e i gruppi che lo supportano a Palazzo Baronale. Passata la paura per le sue condizioni di salute, Malinconico è tornato rinvigorito nel corpo e nell’animo e sembrerebbe aver accettato le lusinghe di chi lo vorrebbe veder concludere naturalmente il suo mandato da sindaco.

Alcune voci di corridoio, però, vogliono che il primo cittadino, Gennaro Malinconico, abbia ricevuto l’indicazione di volare alto per un breve periodo (pochi mesi) e di preparare, con l’aiuto di vecchie volpi della politica locale, un’uscita di scena che non comporti elezioni subito, ma che dia un anno di tempo alla sgangherata maggioranza di organizzarsi per una nuova campagna elettorale.

Gennaro Malinconico non vuole, però, farsi tirare la giacchetta e finire nella mischia delle ultime polemiche; è un momento delicato dove conviene fare discorsi di alto profilo ricordando gli atti importanti approvati dalla sua amministrazione (?), i provvedimenti che consentiranno a Torre del Greco di cambiare volto: i progetti legati a PIU Europa, il restyling del centro storico e della zona porto, l’avvio della raccolta dei rifiuti porta a porta. Tutto questo per far dimenticare i litigi e il caos successo in questo periodo sugli eventi natalizi e sulla famosa delibera della Nu (è di ieri la notizia che è stata firmata l’ordinanza che blocca il pagamento di 92 mila euro mensili alla Eco Ego).

Mentre la maggioranza si ricompatta, dall’opposizione continuano ad arrivare messaggi bellicosi (a breve dovrebbe fare la comparsa sui muri cittadini di un nuovo manifesto “anti Malinconico” a firma del Pri). “Mentre il sindaco fa il tira e molla sulle sue possibili dimissioni, la città è sempre più allo sbando, non avendo una guida sicura e solida”, ha sentenziato il capogruppo della civica Borriello sindaco, Luigi Mele.
Alfonso Ancona