Senza soste l’attività di tutela del patrimonio eco-sistemico del litorale del Miglio d’oro da parte della Capitaneria di Porto di Torre del Greco.
Nel corso di una specifica attività di vigilanza marittima condotta dal proprio dispositivo operativo Guardia-Costiera-motoscafonavale/terrestre gli uomini della Guardia Costiera corallina hanno proceduto al sequestro di tonno rosso, specie sottoposta a particolare regime di tutela e controllo, ai danni di pescatori abusivi operanti nelle acque di Torre del Greco. I tonnetti, pescati in tempi vietati a causa della chiusura della Campagna Pesca Sportiva Tonno Rosso 2015, che vede assegnare una specifica quota in merito alla sostenibilità dello stock ittico superata la quale comporta la chiusura della relativa campagna e quindi il divieto di cattura-trasporto-sbarco della specie di cui trattasi, risultavano altresì inferiori alla taglia minima consentita.
Questa specie di tonnide è da tempo minacciata dall’eccessivo sfruttamento degli stock ittici presenti nel Mediterraneo come negli Oceani ed è, pertanto, particolarmente tutelata dall’Ordinamento internazionale tramite l’lCCAT (International Commission for Conservation of Atlantic Tuna), un’organizzazione internazionale di cui è parte anche la Comunità Europea.
Per tale motivi i trasgressori, oltre al sequestro del pescato, sono stati immediatamente denunciati alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata per il mancato rispetto della taglia Minima Consentita e opportunamente verbalizzati per la pesca di Tonno Rosso in Tempi Vietati.

L’operazione Mare Sicuro, ha visto gli uomini della Capitaneria di Torre del Greco impegnati anche nel controllo e repressione di attività illecite ricollegate alla pesca e relativa commercializzazione di Molluschi Bivalvi in spregio alle vigenti normative di settore avente ad oggetto sia la conservazione degli alimenti in materia igienico sanitaria, sia la commercializzazione degli stessi segnatamente la relativa tracciabilità.
Nello specifico sono stati denunziati alla competente Procura di Torre Annunziata quattro soggetti resosi responsabile della commercializzazione abusiva di prodotti ittici (Molluschi bivalvi) in cattivo stato di conservazione e senza la benché minima informazione circa la tracciabilità e provenienza dell’alimento.
Le specifiche attività d’indagine e controllo solo nell’ultimo trimestre hanno portato al sequestro di oltre una tonnellata di Molluschi bivalvi.