Dipendenti esausti, soggetti a turni massacranti

(a) per gli abbonati o in edicola – Torre del Greco – L’ospedale Maresca è sempre al centro dell’attenzione. Nonostante i tanti problemi, quali il trasferimento del personale ed il depotenziamento di vari reparti, il nosocomio si è dimostrato ancora in grado di risolvere problemi gravi, salvando due vite in poche settimane.
Un dipendente del reparto di radiologia ci spiega che aria tira nell’ospedale torrese in merito ai trasferimenti ed ai depotenziamenti che ha subito negli ultimi periodi: “La situazione del Maresca,come ormai noto,non è delle migliori. La maggior parte del personale cerca di scappare dall’ospedale torrese; infatti, molti sono passati direttamente a Portici, ormai facente parte dell’ASL Napoli 1; ovviamente, venendo meno la maggior parte del personale, il Maresca subisce una grave carenza con la conseguenza delle riduzioni dei reparti e degli orari.
Tuttavia per ora sia il reparto di radiologia sia il laboratorio di analisi riescono a coprire il turno delle 24 ore, grazie a dei rinforzi provenienti da Nola.”
“Molti dipendenti si sono cancellati dai sindacati perché questi ultimi sono venuti meno. Si sta collaborando con la CGIL solo per spingere i cittadini ad interessarsi al caso Maresca – continua il radiologo – Per le ferie estive, per quanto riguarda il reparto di radiologia,verremo aiutati dall’ospedale di Nola che ha qualche dipendente in più rispetto al Maresca”.
Il radiologo conclude con uno sfogo: “E’ una situazione al limite, non si può andare avanti così, con turni stressanti e con gravi carenze di farmaci ed attrezzature.”

Andrea Scala

Articolo già pubblicato sull’edizione cartacea de La Torre 1905 in edicola l’8 luglio 2009