L’ASCOM di Torre del Greco ha denunciato, presso le forze dell’ordine, il furto d’identità sul noto social network “facebook”. Un ignoto personaggio ha creato un profilo – ex novo – su facebook spacciandosi per l’associazione e, addirittura, appropriandosi del logo dell’Ascom. In via del tutto bonaria, alcuni membri del direttivo del- l’Associazione Commercianti hanno provato a contattare più volte – attraverso mail – colui che ha creato illecitamente il profilo, invitandolo alla chiusura dello stesso o alla consegna delle password. Ma il password-furto-d'identitàladro d’identità fa orecchie da mercante e continua indisturbato ad operare a nome della categoria.
Da qui l’ASCOM prende una dura decisione e decide di tutelarsi denunciando alle forze dell’ordine il ladro d’identità. Non tutti sanno che il furto d’identità è più diffuso di quanto si possa immaginare ed è un reato penale che può presentarsi di due tipi: il più difficile è quello del furto di un profilo già esistente, la causa del furto è da individuare in un’errata custodia della password, persone terze appropriatosi delle chiavi di accesso possono entrare nel profilo cambiare le s tesse ed utilizzarlo indisturbati (615-ter c.p.). – molto più facile, ed è ciò che è accaduto all’ASCOM, è la creazione ex-novo di “fake”, vale a dire profili falsi, il che integra quanto meno gli estremi del reato di “sostituzione di persona” (ex art. 494 c.p.) Pertanto, La Torre invita tutti i malcapitati di passare subito alle vie di fatto e denunciare l’accaduto alla forze dell’ordine.
Antonio Civitillo

 

Articolo pubblicato sull’edizione cartacea in edicola il 23 ottobre 2013