Stop all’esposizione di frutta e verdura non confezionate a diretto contatto con gli agenti atmosferici. È quanto stabilisce un’ordinanza firmata dal sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, che pone in questo Frutta-Cassettemodo un freno ai rischi derivanti da tale pratica, che mette a rischio la qualità di questi alimenti.
“L’intenso traffico veicolare – scrive il primo cittadino – è causa di possibile immissione in atmosfera di agenti inquinanti quali gli idrocarburi policiclici (Ipa) ed il piombo di origine auto veicolare”. “Gli stessi – ricorda ancora Borriello – possono essere veicolati, tramite pulviscolo, su tutto ciò che è esposto liberamente all’aria aperta”.
“La presenza di tali inquinanti in dovute concentrazioni – prosegue il sindaco, facendo leva anche sull’esperienza di medico – è potenzialmente dannoso, in particolare sugli alimenti esposti”. A questo si aggiungono “le particolari eccezionali condizioni di caldo della corrente stagione estiva, che possono essere causa dell’aumento di fattori di rischio, non ultimo l’inquinamento microbiologico degli alimenti dovuto essenzialmente alla presenza degli insetti”.
Per tutto questo e “ritenuto di dover adottare un provvedimento urgente di natura igienico-sanitaria per gli alimenti posti in vendita non confezionati all’esterno degli esercizi commerciali, e ciò esclusivamente a tutela della salute pubblica” l’ordinanza firmata dal sindaco impone “il divieto di esposizione di generi alimentari non debitamente confezionati al di fuori dei singoli esercizi commerciali”.