Torre del Greco sempre meno sicura: a causa della spendig review verrà chiusa la storica caserma dei Carabinieri di torre centro. La politica torrese (maggioranza ed opposizione) come sempre restano in silenzio ed a guardare.
Della chiusura e di un depauperamento del territorio già se ne parla da qualche anno, ma, secondo forti indiscrezioni,  la chiusura della stazione “Dante Iovino”, di via Circumvallazione, sembra imminente.
Un altro duro colpo alla città corallina, che, inoltre, ha visto negli ultimi mesi una vera e propria escalation della criminalità. La storica stazione oltre all’importanza strategica sul territorio, ha sempre interagito con il territorio, con migliaia di cittadini, ed è stata sempre un riferimento importante di associazioni ed attività commerciali, ottenendo ottimi risultati. Torre centro sta per perdere uno degli ultimi baluardi di legalità.
Stazione-Carabinieri-Torre-Centro-Dante-Iovino-2015L’importante lavoro che sta svolgendo il presidio di torre centro, verrebbe sobbarcato dalla Compagnia di Torre del Greco sita in V.le Campania già ingolfata dal tanto lavoro.
Con la chiusura del Presidio, lo Stato mostrerebbe il suo lato più debole, inoltre, la chiusura della Stazione incoraggerebbe ancor di più le cosche presenti sul territorio a compiere atti criminali.
Città e cittadini, insomma, sempre meno sicuri a causa delle scellerate scelte Renziane (e dei precedenti Governi), scelte che ricadono sempre sulla pelle dei cittadini più deboli.  Un Governo che sa solo chiedere sacrifici ai cittadini più deboli, ma quando c’è d’aiutare Banche o favorire chi ha pensioni d’oro (ed altro) le risorse economiche si trovano sempre. Non da meno, il silenzio della politica locale che è assordante e come spesso accade opposizione e maggioranza, in queste situazioni, restano a guardare.
Come si può scongiurare la chiusura della Stazione dei Carabinieri “Dante  Iovino”? Noi de La Torre, oltre a divulgare questa informazione, che i vertici romani vogliono tener segreta, si fa promotrice anche di sollecitare le istituzioni affinchè tutelino gli interessi dei cittadini onesti.
Un depauperamento del territorio sarebbe deleterio, ma è anche vero che La Torre da sola non ce la può fare  senza l’aiuto o le proteste dei i nostri sforzi rimangono vani. Solo per pressioni dei cittadini e della politica può scongiurarne l’imminente chiusura.
Antonio Civitillo