Working in progress per i Giovani Democratici
E’ in cantiere una nuova iniziativa targata Giovani Democratici che vede questa volta protagonisti i writers di Torre del Greco che avranno a disposizione dei “muri legali” grazie ai quali potranno dare sfogo alla loro creatività e si potrà mettere un freno ai, sempre più frequenti, atti vandalici. Si pronuncia in merito Fortunato Garofalo, uno dei promotori dell’iniziativa.

Com’è nata tale iniziativa?Muri legali writers
Ci tengo a precisare, per questioni di merito, che l’iniziativa è stata proposta da un mio amico, Flavio Gramegna. In seguito io, lui e un altro ragazzo, Domenico Colantuono, abbiamo approfondito la cosa prendendo come riferimento altre città italiane come Bari, Roma e Sesto Fiorentino in cui questa iniziativa è stata accolta e abbiamo notato che “regolarizzare” i graffiti funziona.

Quando dici “regolarizzare i graffiti funziona” a cosa ti riferisci?
Molte persone sostengono che sia un’iniziativa del tutto inutile e inefficace poiché si verificherebbero comunque casi di illegalità. Dicono che quelli sui muri sono semplici graffi e che è improprio definirli opere d’arte. Invece non è così.

Quindi questo sarebbe un modo per arginare quelli che vengono definiti “atti vandalici”?
Si. Basta a andare a Torre Annunziata per verificare che dove sono stati fatti dei graffiti, i muri non sono stati deturpati. Secondo le esperienze delle altre città italiane, questa cosa funziona davvero.

Quando avete proposto l’iniziativa al Comune avete avuto dei riscontri positivi o la cosa a suscitato qualche perplessità?
La nostra richiesta è stata protocollata il 17 aprile 2013. Il primo contatto con l’amministrazione è stato positivo, infatti noi abbiamo subito iniziato a lavorare sul regolamento ormai ultimato. Gli esponenti del SEL, partito di riferimento dell’assessore Boschetti, si sono messi a disposizione ma improvvisamente non li abbiamo più sentiti fino a quando l’iniziativa non è stata menzionata dai giornali qualche giorno fa.

Ora che il regolamento è ultimato a cosa state lavorando? Ci sarà una sorta di “inaugurazione” di questi “muri legali”?
Finchè l’iniziativa non è approvata definitivamente non possiamo organizzare alcun evento. Ora vogliamo capire cosa propone l’assessore Boschetti e fare una sintesi della sua e della nostra proposta. Insomma alla fine a noi interessa raggiungere il risultato e per ora la cosa è stata solo annunciata sui giornali. Il prossimo passo, quindi, è questo incontro dal quale dipende tutto il resto.

 Alessia Rivieccio