Italia – Sono stati pubblicati, infatti, sulla GU 4a Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.18 del 5-3-2019, due concorsi per Allievi Agenti del ruolo maschile e femminile della Polizia Penitenziaria. I bandi Polizia Penitenziaria 2019 mettono a concorso 754 posti per Allievi Agenti, di cui 566 per uomini e 188 per donne.

I due concorsi della Polizia Penitenziaria suddividono i posti a concorso come di seguito:
a) n. 452 posti (di cui 340 uomini e 112 donne) per i cittadini italiani in possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria e nel dettaglio a:
– coloro che sono in servizio, da almeno sei mesi alla data di scadenza della domanda di partecipazione al concorso, come volontari in ferma prefissata di un anno (VFP1) o in rafferma annuale;
– volontari in ferma prefissata quadriennale (VFP4) in servizio o in congedo.
b) n. 302 posti (226 per uomini e 76 per donna) per i cittadini italiani in possesso dei requisiti prescritti per l’assunzione nel Corpo di polizia penitenziaria. Si precisa che due posti (uno maschile ed uno femminile) sono riservati a coloro che sono in possesso dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) per l’assegnazione agli istituti penitenziari della provincia di Bolzano.

REQUISITI
Possono partecipare ai concorsi per Allievi Agenti della Polizia Penitenziaria i candidati in possesso dei requisiti generali di seguito riassunti:
– cittadinanza italiana;
– godimento dei diritti civili e politici;
– età compresa tra i 18 e i 27 anni compiuti (non aver superato i 28 anni);
– idoneità fisica, psichica ed attitudinale al servizio;
– diploma di istruzione secondaria di primo grado o superiore a seconda della posizione per la quale ci si candida;
– possesso di tutti i requisiti fisici e attitudinali dettagliatamente indicati nel bando;
– possesso delle qualità morali e di condotta previste dall’articolo 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, nonché dei requisiti di cui all’articolo 5, comma 2, del decreto legislativo 30 ottobre 1992, n. 443;
– non essere stati destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione;
– assenza di condanne a pena detentiva per delitto non colposo o non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
– non essere stati dichiarati decaduti da altro impiego presso una pubblica amministrazione, per i motivi di cui alla lettera d) dell’articolo 127 del decreto del Presidente della pubblica 10 gennaio 1957, n. 3;
– non essere stati destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione per aver riportato condanna a pena detentiva per delitto non colposo oppure essere o non essere stati sottoposti a misura di prevenzione.

Per ulteriori dettagli relativi alle caratteristiche richieste ai concorrenti per partecipare ai bandi per Allievi Agenti si rimanda a quanto indicato nell’avviso di selezione.

Le domande di partecipazione devono essere presentate attraverso l’apposita procedura online entro il 4 aprile 2019. Una volta inviata la domanda online, il sistema genererà in automatico una ricevuta di avvenuta acquisizione della stessa, che dovrà essere stampata e conservata dai candidati, per essere presentata il giorno della prova scritta d’esame.

Solo nel caso in cui, entro 3 giorni lavorativi dalla scadenza dei bandi, non sia disponibile il sistema informatico, con comunicazione apposita dell’indisponibilità sul sito stesso dedicato all’invio delle istanze, le domande potranno essere inviate – redatte secondo gli appositi modelli allegati al bando – a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, presso il Ministero della Giustizia – Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria – Direzione generale del personale e delle risorse – Ufficio VI – Concorsi, polizia penitenziaria – Largo Luigi Daga, n. 2 – 00164 – Roma.




Sostenere La Torre
(o fare una semplice donazione)
è diventato più facile:
Scegli il tuo Abbonamento

Dai voce a ciò che gli altri non dicono