Luigi-Gallo-palazzo-giustiziaDopo la notizia che secondo la quale il nosocomio di via Montedoro non dovrebbe chiudere i battenti, molte forze politiche stanno tirando acqua al proprio mulino: il sindaco Borriello canta vittoria, il governatore Vincenzo De Luca grida al traguardo, ed anche i grillini dicono la loro.
“Dopo un rimpallo durato un decennio sulle responsabilità dei partiti sull’ospedale Maresca, presidio che serve 300mila cittadini del territorio napoletano, il Movimento Cinque Stelle, grazie alla presenza in Regione di cittadini come Valeria Ciarambino e Vincenzo Viglione, smuove le acque – afferma in una nota stampa il deputato Luigi Gallo del M5S – chiedendo ed ottenendo la presenza del Commissario alla Sanità in un’audizione regionale.

Il Commissario è oggi consapevole che si può rivalorizzare il nostro ospedale, a patto che a questo capitolo di spesa vengano destinate maggiori risorse. L’ospedale Maresca è un punto di riferimento per centinaia di migliaia di cittadini ma coloro che in questi anni hanno governato la Campania non hanno mai voluto risolvere quei problemi che essi stessi hanno creato. C’era un anello mancante, i cittadini nelle istituzioni. Con il nostro ingresso in Consiglio regionale e con il contributo del consigliere comunale Ludovico D’Elia – conclude l’onorevole grillino – abbiamo promosso una sinergia tra l’amministrazione locale e regionale, l’unica chance che ci resta per salvare il nostro ospedale e preservare il diritto alla salute dei cittadini vesuviani”.