Roma – Pronto il Decreto cosiddetto Ristori per le categorie economiche e commerciali colpite dal nuovo lockdown. Il provvedimento riguarda le attività colpite dalle chiusure decise dal nuovo Dpcm.

Gli indennizzi saranno parametrati su quanto incassato dopo il primo lockdown.

Fissato un tetto massimo di 150 mila euro. In pratica, si arriva ad indennizzare fino a quattro volte rispetto a quanto incassato nella scorsa primavera a causa del calo del fatturato.

Il Consiglio dei Ministri ha varato anche sostegni per i lavoratori stagionali e ristori specifici per le imprese del turismo. La cassa integrazione Covid sarà estesa di 6 settimane. Stop all’Imu per le attività colpite e un nuovo credito d’imposta per gli affitti.