Dopo che ieri sera si è svolto l’ennesimo incontro andato a vuoto tra le forze che compongono il cosiddetto Tavolo dei Moderati composto da professionisti, l’ex presidente del consiglio comunale, Filippo Colantonio, ha deciso di rompere schemi ed indugi: parteciperà come candidato a sindaco, sorretto da liste civiche, alle prossime comunali di maggio.

Colantonio è conscio del fatto che viviamo un momento storico-economico estremamente delicato per le sorti della nostra città, è convinto più che mai che l’attendismo espresso da taluni personaggi politici, indaffarati in vacui accordi sottotraccia per difendere il proprio orticello elettorale, non siano funzionali alle sorti di Torre del Greco.

“Sarò chiarissimo e tale da determinare una chiarificazione assoluta – afferma il candidato a sindaco, Filippo Filippo-ColantonioColantonio – . Dopo aver lungamente ragionato per tenere insieme l’area moderata, devo prendere atto, purtroppo, che non c’è la volontà di tutti perché questo avvenga. A questo punto sono ad un bivio: mettermi in un angolo ad osservare la rovina della mia città, a causa di politicanti che hanno a cuore solo interessi personali, o metterci la faccia per portare all’interno delle istituzioni la voglia di rivalsa di tanti cittadini onesti, delusi, ancora una volta, dai tanti tira e molla messi in campo dai soliti volti noti della politica locale. Nessuno mi ha negato fino ad oggi tre qualità: una discreta intelligenza, molto coraggio e un sovrano disprezzo per incarichi e poltrone: la mia candidatura ne è un esempio. Tutti sappiamo – conclude Colantonio – che ciò che ho in animo non è capriccio di persona, non è libidine di Governo, non è passione ignobile, ma è soltanto amore sconfinato per la mia città. Nessuna demagogia. Bisogna reagire, mettersi in discussione. È tempo delle scelte irrevocabili”.

Comunicato stampa