Torre del Greco – Durante la scorsa serata di martedì 2 luglio, nel cortile di Palazzo Vallelonga, presso la Banca di Credito Popolare, si è svolto un evento, promosso dal Pio Monte dei Marinai 1615, impegnatosi a riportare all’antico splendore la sede storica del Pio Monte stesso, la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli di Torre del Greco. La Banca di Credito Popolare recentemente ha già sostenuto il Pio Monte contribuendo al restauro dell’antico portone di castagno della storica Chiesa di via Comizi.

La serata ha visto protagonista il coro filarmonico Jubilate Deo, diretto dal Maestro Giuseppe Polese, che ha incantato i presenti con un repertorio adatto al tono della serata: dapprima sono state eseguite arie celebri tratte da Nabucco, Traviata, Tosca e Turandot; nella seconda parte della rappresentazione il coro ha magistralmente cantato alcuni immortali capolavori del repertorio classico napoletano ( tra gli altri “Torna a Surriento”, “Era de maggio”, “Passione” etc). Voci soliste Martina Sannino, Gianluca Pantaleone e Giuseppe Todisco, rispettivamente soprano, tenore e baritono, al piano Nicola Polese. Il concerto è stato introdotto ed intervallato da interventi di Gennaro Malinconico, Presidente pro tempore dell’Associazione “Pio Monte dei Marinai 1615”, costituitasi il 22 luglio 2016 sotto l’egida del Comandante Giuseppe D’Amato ( presente alla serata), affinché si ripristinassero quel senso civico e quell’ attenzione verso il prossimo, che animarono secoli fa l’antico Pio Monte di Torre del Greco.

Ospiti della serata Don Giosuè Lombardo, parroco di Santa Croce e padre spirituale dell’Associazione, Giuseppe Maddaloni, giovane studioso della storia di Torre del Greco, già autore di molte ricerche sul Pio Monte dei Marinai , ed il primo cittadino, Giovanni Palomba.

Apprezzate dal pubblico alcune simpatiche “incursioni” di Pino Brancaccio, attore e regista, che ha proposto delle spiritose boutade , tra un brano musicale e l’altro.
Marika Galloro