Maresca-pronto-SoccorsoAlla nostra redazione continuano, purtroppo, ad arrivare segnalazioni di disagi e disservizi notevoli a causa del depotenziamento dell’ospedale Maresca di Torre del Greco.

Risale al 7 settembre, infatti, l’ennesimo episodio di “malasanità” riferitoci da Cira Vitiello, attivista dell’Associazione Pro Maresca: un ragazzo di 14 anni è giunto lo scorso mercoledì 7 settembre al Presidio del Pronto Soccorso di via Montedoro con una grave ferita all’avambraccio ed una sospetta frattura. Alla vista del giovanissimo paziente, il personale in servizio ha svolto al meglio il proprio compito, nei limiti che la struttura ospedaliera presenta. Ma, una volta resisi conto della necessità di effettuare una TAC per un presumibile intervento chirurgico immediatamente successivo, i dipendenti del Maresca hanno allertato l’ospedale di Boscotrecase, dove è stato poi di fatto condotto l’adolescente. Tuttavia, sempre da quanto risulta dalla testimonianza pervenutaci, il ragazzo, arrivato a Boscotrecase, non è stato sottoposto ad intervento chirurgico per motivazioni ancora tutte da accertare. Nuovamente ricondotto al Maresca, si sarebbe dovuto individuare un nuovo presidio ospedaliero, tramite una centrale operativa preposta, ma nessuna risposta sul caso.

Esasperati, i genitori del piccolo paziente hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri e, solo dopo l’arrivo di questi ultimi, è arrivato il responso: l’ospedale disponibile è risultato il Pellegrini Vecchio di Napoli, dove il ragazzino è stato trasferito ed ha finalmente ricevuto le cure dovute.
Inoltre, proprio due giorni dopo il grave episodio che ha visto il giovane adolescente protagonista, e quindi lo scorso 9 settembre, è stato diffuso un comunicato stampa in cui la Consigliera Regionale, Loredana Raia, annunciava finalmente l’arrivo di una nuova e moderna TAC al Maresca. La notizia di per sé sembrerebbe davvero ottima. Tuttavia, secondo indiscrezioni, sembrerebbe proprio che al nosocomio corallino manchino quasi del tutto i radiologi poiché trasferiti all’Ospedale di Boscotrecase. In particolare, solo di mattina sarebbe assicurata la presenza di uno specialista. E’ quindi necessario ricordare che, senza un’efficace servizio di Radiologia, non si può certo garantire l’uso della TAC .
Ben venga, dunque, la tanto attesa nuova TAC a Torre del Greco ma è necessario renderla utile.
Adesso gli attivisti dell’Associazione Pro Maresca e tutti i cittadini attendono un potenziamento del nostro ospedale vero, concreto, fattivo, e non solo annunciato nei proclami politici.
Marika Galloro