Scavano nella parete e svaligiano negozio di elettrodomestici, si cercano i colpevoli
Arrivato al negozio di primo mattino, il proprietario del negozio di elettrodomestici di via Antonio Luise ha trovato un’amarabuco-parete sorpresa ad attenderlo. Un grande foro scavato nella parete laterale del negozio, confinante con un palazzo di tre piani: la via d’accesso e di fuga per un furto pianificato nel dettaglio. La notte precedente infatti si era messa all’opera la banda del buco, portandosi via un bottino di cellulari, tablet e piccoli elettrodomestici per il valore di diverse migliaia di euro. Gli uomini del Commissariato di Polizia, guidato dal primo dirigente Paolo Esposito, ora indagano sull’accaduto per provare a risalire ai colpevoli. Oltre al danno materiale è la preoccupazione di abitanti e commercianti del posto ad essere tangibile. Già lo scorso luglio tre rapinatori avevano svaligiato in pieno giorno la vicina gioielleria Turris immobilizzando il proprietario. A gran voce ora si chiede una risposta, poiché queste strade del centro cittadino che collegano piazza Santa Croce a piazza Luigi Palomba ritornino a fiorire ed essere un punto nevralgico del commercio cittadino. Si sa che i commerciati in questo periodo si trovano già a combattere con l’assidua crisi che ci attanaglia, tanto è vero che il negozio di elettrodomestici del gruppo Euronics è tornato ad essere aperto sin da subito, poiché, come precisato da qualcuno di loro, chi si ferma è perduto.

Luca Marino